Articoli in primo piano

Madonna di Fatima

Un dipinto della Madonna di Fatima, in ricordo di un recente pellegrinaggio è stato realizzato dal sig. Gianfranco Battistella nel corso dell’anno 2016, su commissione della famiglia Lo Fiego/Cardani.

Il dipinto è stato posizionato all’esterno della casa della suddetta famiglia in via A. Manzoni a Jerago, nelle vicinanze delle Scuole elementari.

Il dipinto va così ad arricchire il tour delle cappelline sacre ed edicole votive, che all’inizio delle pubblicazioni di questo blog avevamo promosso.

Un ringraziamento al sig. Battistella e alla famiglia Lo Fiego/Cardani per questa iniziativa!

Articoli in primo piano

Storia d’una Pianta 

98974A02-5156-4308-9639-A2710ABDC93B

Pubblicato su Un popolo in cammino nell’autunno 2000 nella sezione dedicata al Centro culturale Cardinal Schuster e Carlo Mastorgio

Poesia di Paolo Pozzi

(Il testo è stato proposto da Luigi Cassani, la traduzione è di Anselmo  Carabelli)

Una pianta, una trav, un tocch da legn

E un névudin

L’era nassüa là, sura Cas’ciàgh,

da sòta da la costa da Velà

drè da la Tùur, da dua sa véed Masnàagh

‘na primavera da sett’cent ann fa.

L’era nassüa:

l’era staia furtünava.

‘Na castegna d’un risc spustàa dul véent

la sera quatà via in mezz al stramm,

a la metüu i radìs e in d’un muméent

l’ha mandà föra‘na fèrla cul primm ramm.

Ul löög a l’era giust, l’ha prutegiüva:

di cunili, di ghir, di murigiö,

e anca dopu quan’ l’era un pù cressüa,

l’ha tegnüü in dré i altar bésti e i cavriö.

Intant a passa ‘l temp e la ven granda,

quanta  storia ca passa sotta i ràmm!

E i so castégn, seccaa, i’a rincüravan

I nostar vècc, par töss via la famm.

Anca la föja la vegneva üsava

pa’i bèsti ,in di stall mèj  guvernàa.

E infìin  par tegn sü i viid pö duperavan

I so ramm püsée drizz  tucç béen peràa

A passan düsént’ ann: a l’hann tajava

E par tri ann a l’hann lassà a secà,

pö, hann tiràa fö’ un travuun e l ‘hann

/ muntava

cume puntuun, sül técç d’ra nosta Cà.

Una volta in sül tecç , da sota i còpp,

quanta gent ca l’ha vidüü passà!

Quanti stori bèi e brütt e quanti ropp

Cul so parlà l’avrèss podüü cüntà.

Gh’è passaa ann e guerr,gh’èpassaa i òmm

E gh’è giraa anca i padrun d’ra cà,

ma lee separa lì ferma: cume ‘l Dòmm

in mezz ai cambiament vidü da là.

 

Inscì, gh’è rivà ul nuvantadüü

E un dì hemm deciis,da mett a post la cà:

ma n’architett, ch’al saveva da pòcch,

l’ha faia tö dal tècc  e pö’ tajà !

 

Quand i ho vist m’è vegnü’ n culp m’è

/dispiasü’

e dul maguun pudeva pü’ parlà,

tücc quii tocch, puggià e a düü a düü,

tacca al camin urmai prunt da brusà.

 

Ma mi ho’spettàa, i’ho mia vurüü duprà.

I tocch du la traa vegia d’ra me cà:

ul légn, d’una pianta granda e forta,

ch’era nassüa ben sett’cent ann fa !

 

Pö’ in una nott fregia da dicembar,

a guardà i stell l’era quasi mezzanott,

cunt ul me nevudìin ho pizzà ‘l föögh

e in dul camin: n’ho buttà  düü tocch.

 

Ul föögh al s’è pizza.. e in dun muméent

I firapul a vüna , a dees , a ceent

A vugavan in valt, sempar pü sü

Par faag da strava al Bambinel Gesü

 

E ‘na firapula, quela pussee bèla,

föra in dul ciél  l’è diventava stela,

la s’è fermava pugiava sura ‘n pìin

perché gh’éra nassüü ‘l Gesü Bambin !

 

Adess la storia, che la par finiva,

la riva in fund con la so muraal:

I tocch ca m’è restaa tégni in cantina

E ‘n brüsi vün par nott ogni Nadàal

 

                           Paolo Pozzi

                         Dicembar 1995

 Storia di una pianta

Una pianta, una trave. Un pezzo di legno

E un nipotino

Era nata là, sopra Casciago,

sotto la costa di Velate,

dietro la Torre, di dove si vede Masnago

una primavera di settecento anni or sono.

Era nata:

era stata fortunata.

Una castagna da un riccio spostata dal vento

Coperta poi da uno strame di foglie

ha messo radici in pochissimo tempo

ha messo fuori un virgulto col primo stelo

Il luogo era  adatto e l’ ha protetta:

dai conigli, dai ghiri dai topolini,

e anche di poi, quando era un poco grande

ha tenuto lontane le altre bestie, i capretti

Intanto passa il tempo e diviene grande,

quanta storia passa sotto i suoi rami.

E le sue castagne, seccate, le custodivano

I nostri vecchi, per togliersi la fame.

Anche le foglie usavano

Per le bestie, nelle stalle meglio condotte.

E infine, per tenere in piedi le viti usavano

I rami più dritti tutti ben spellati.

Passano duecento anni: la tagliarono

E per tre anni la fecero asseccare

Poi ne hanno ricavato una gran trave e

l’ hanno montata

Come colmo, sul tetto della nostra Casa

Una volta posta sul tetto, sotto i coppi

Quanta gente ha visto passare!

Quante storie belle e brutte e quante cose

Col suo racconto avrebbe potuto narrare

Sono passati anni, guerre, passati uomini

Sono cambiati i proprietari della casa

Ma lei, sempre lì ferma: come il Duomo

Nel mezzo dei cambiamenti visti da lassù.

Così è arrivato il novantadue

E un giorno abbiamo deciso di riparare casa

Ma un architetto che sapeva di poco

L’ ha fatta levare dal tetto e tagliare

Quando l ’ho vista in pezzi  mi è preso un

colpo, mi è dispiaciuto

e dal magone non potevo più parlare,

tutti quei pezzi posati a due a due lì

presso il camino ormai pronti per il fuoco.

Ma ho aspettato, non li ho voluti usare.

I pezzi della trave vecchia della mia casa:

Legno di una pianta grande e forte,

che era nata ben settecento anni addietro!

Poi in una notte fredda di dicembre,os-

servando le stelle doveva essere mezzanotte,

col mio nipotino ho acceso il fuoco

e sul camino: ne ho buttati due pezzi.

Il fuoco ha preso forza.. e in  un attimo

Le faville  a una, a dieci a cento

Vagavano in alto sempre più su

Per fare da strada al Bambinello Gesù

E una favilla, quella più bella,

Fuori nel cielo  si è fatta stella

E si è fermata appoggiata ad un pino

Perché era nato Gesù Bambino !

Adesso la storia,  che par finita,

arriva in fondo con la sua morale

i pezzi rimasti li tengo in cantina

e ne brucio uno per notte ogni Natale

Paolo Pozzi

Dicembre 1995

Articoli in primo piano

Nustalgia di temp indrè – Nostalgia del tempo passato

Poesia della Sig.ra Tomasini di Crenna (Gallarate) apparsa su Un popolo in Cammino nella sezione dedicata al Centro culturale Cardinal Schuster e Carlo Mastorgio

Quand  ma vegn a nustalgia

Di bèi temp ch’in sgurä’ via

A ma string  na cumuzion

Fin a fam vegnì ul magon

Puesia scriù in dialèt

Parlà vecç, sincér e schièt

L’éa a lengua di nostar gent..

Sparia.. L’è pù ul so temp

Par n’ambizion da véss prufesur

mo parlum tucç a lengua di sciur

Ai nostrar fieu, fin da piscinitt,

Pal timur da pasà par asnitt,

Gh’em fai imprendi l’italiano

Pusè decurus.. dul popolano.

 

Démm un’ugiäda ai temp indré

Quand sa vivéa cunt poc dané,

Sa rispamiäva su cunt e spés

E  sugnävum  mila fränc al més !

Gh’éa unestà, amicizia e rispètt

Par n’aùt, sa fasevan in sétt

Bastäva na bèla stréncia da man

E fasevan l’afäri ul sciur el vilan !

La porta da cà.., niseun la seräva,

la ciäv in dul büs.., niseun la tucäva

rubavan dumà i gajn dal pulé,

parché in dul casét ean pocc i dané.

Gh’ea ul mulita, ul spazacamin,

l’umbrelat, ul stascée el sbianchin ;

ul baslutè cunt  a so’ mercanzia

cal däva la vus a tuta  la via.

Ul calzulär ch’al tacäva i tö’  tacc,

l’hom cul caret cal vendeva i saracc !

“ Oh donn!..donn!.., ghé  chi ul magnan !”

Al sa sentiva fin da luntan

Parieu e padéì ga sa purtāva

E peu lü par ben ai a stagnäva

Quando mi viene nostalgia

Dei bei tempi volati via

Mi prende una tale commozione

Da farmi venire il magone

 

Poesia scritta in dialetto

Parlare dei vecchi, sincero e schietto

 

Era la lingua delle nostre genti

Scomparsa.. Non è più il suo tempo

Per l’ambizione di sembrar professori

Ora tutti si parla la lingua dei signori

 

Ai nostri figli, già da piccolini

Per paura di passar per asini

Abbiamo fatto insegnare l’italiano

Più decoroso del vernacolo

 

Ma diamo un’occhiata a tempi trascorsi

Quando si viveva con pochi soldi

Si risparmiava su conti e spese

E sognavamo mille lire al mese

 

C’era onestà, amicizia e rispetto

Per un aiuto, ci si faceva in sette

Era sufficiente una bella stretta di mano

E facevano l’affare il ricco e il contadino

 

Nessuno serrava la porta di casa

Nessuno girava la chiave nella toppa

Rubavano solo le galline dal pollaio

Perchè  nel cassetto c’erano pochi soldi

 

C’era il molitta, lo spazzacamino,

l’ombrellaio,  straccivendolo e sbianchino;

il venditore di stoviglie con la mercanzia

che dava il suo richiamo a tutta la via

 

Il calzolaio che attaccava i tuoi tacchi,

l’omino col carretto che vendeva aringhe

“ oh donne oh donne c’è lo stagnino”

Lo si sentiva fin da lontano

 

Padelle e tegami gli si portava

E per bene lui poi stagnava

 

Articoli in primo piano

Foto funerale Don Massimo Cervini – Maggio 1945 -corteo funebre

La foto è stata scattata in via Cavour a Jerago – fianco la ex Manifattura di Crosio.
Indicato dalla freccia è riconoscibile all’interno dei componenti del corpo bandistico Santa Cecilia, il signor Attilio Pigni – primo clarinetto.
Il Signor Attilio Pigni è padre di Romano Pigni, già sagrestano presso il Duomo di Milano, che ringraziamo per averci fornito questa fotografia, ricordo personale di suo padre
Articoli in primo piano

Scheda di scavo della chiesa di S. Giorgio di Jerago

Pubblicato su Un Popolo in Cammino – Novembre 2005

Di seguito si pubblica il  fondamentale documento della Sovrintendenza Archeologica della Lombardia, col quale la Dottoressa Maria Adelaide Binaghi, dà notizia ufficiale dei ritrovamento dell’abside della vecchia chiesa di San Giorgio ed offre il supporto scientifico agli studi sulla romanicità della chiesa, precedentemente indicati. Purtroppo anche la Dottoressa Binaghi, cui va il nostro grato ricordo, è prematuramente scomparsa in un incidente di montagna nel mese di agosto dell’anno 2004.

Nel Notiziario della Sovraintendenza per i Beni Archeologici della Lombardia

(anno 1999-2000) è apparsa la:

pubblicazione della scheda di scavo della chiesa di S.Giorgio di Jerago, redatta dalla Dott.ssa  M. A. Binaghi.

 

Jerago con Orago (Va)

Chiesa di San Giorgio

Indagine archeologica

 

All’interno delle opere di ripristino e restauro finalizzate al recupero funzionale della dimessa chiesa parrocchiale dedicata a S. Giorgio, nel 1977 il controllo delle fasi di asportazione della vecchia pavimentazione interna, ha permesso di individuare le fondazioni murarie ed i relativi tratti pavimentali di un emiciclo absidale, relativo ad un precedente edificio di culto di più modeste dimensioni.

L’emiciclo, (diametro esterno 5,50; interno m.3,40) conteneva centralmente la base di un piccolo altare murario (m.0,77x 0,55) con esiguo vano interno, vuoto al momento del rinvenimento.

E’ possibile che la piccola chiesa sia ascrivibile ad età altomedievale ( sec VII-IX) e che preceda una sua ricostruzione ampliata d’età romanica, attestata oggi dal campanile e da alcuni tratti murari superstiti, inglobati nell’odierno terzo edificio cinque-seicentesco.

Sono stati recuperati numerosi lacerti di intonaco affrescato, stilisticamente assegnabili tra la fine del  XIV secolo, relativi ad una fase recente della chiesa romanica e spianati con le macerie a sottofondo del primo pavimento della terza chiesa di S. Giorgio.

Un secondo intervento archeologico è stato intrapreso nel 2000 all’interno della cappella battesimale, sita a nord della terza campata dell’ala attuale, in concomitanza alle opere di ripristino e rifacimento della pavimentazione.

L’indagine, pur non avendo potuto esaurire il deposito antropizzato giacente in situ, ha permesso tuttavia di documentare l’intera sequenza delle fasi di pavimentazione dell’edificio.

La fase più antica è relativa all’utilizzo dell’area cimiteriale aperta, ubicata nell’adiacenza N della chiesa, probabilmente utilizzata a partire dall’età medievale.

Ad un fase tardo medievale (sec XIV ) è ascrivibile l’impianto della cappella battesimale quadrangolare a nord  della  prima campata della chiesa romanica, con pavimentazione in lastre litiche ed al centro la base interrata del piedistallo della vasca battesimale sopraelevata. Nella prima metà del sec XV si ha la prima decorazione parietale interna (campiture a losanga in tecnica graffita), mentre si struttura un nuovo pavimento in limo e calce, il cui strato organico carbonioso ha restituito frammenti di lampada vitrea pensile.

La nuova decorazione interna, ad affresco, risulta coeva all’esecuzione della terza pavimentazione in malta coperta da sottile cocciopesto (prima metà del XVII) in seguito regolarizzata con successivi apporti finalizzati a mantenere la regolarità del piano, reso irregolare dai progressivi collassamenti causati verosimilmente dai vuoti delle sottostanti sepolture del cimitero medievale.

firmato

Maria Adelaide Binaghii  Leva

 

L’intervento è stato diretto da M. A. Binaghi  e curato da R. Mella Pariani – Società di Archeologia – Milano

 Nota di A Carabelli

 

Quanto sopra dà il suggello scientifico a tutto il lavoro di ricerche che ha permesso di segnalare già molto prima di queste indagini, seppur a livello ipotetico, quanto è poi stato verificato e confermato. Testimonianza  di ciò sono tutti gli articoli pubblicati prima della conferma di questa scheda. Lo scopo di quelle pubblicazioni  era quello di spiegare il motivo per il quale la parrocchia si stava impegnando in quel ripristino, aprendo una finestra sul periodo altomedievale, vissuto della nostra comunità parrocchiale.

La salvaguardia del campanile e della chiesa antica di San Giorgio rappresenta il più grande recupero della testimonianza della antica fede cristiana delle nostre genti e  sono  lieto per questa importante conferma della  lungimiranza di Don Angelo Cassani  che  di quegli interventi é stato fautore.

Un commosso ricordo va a Carlo Mastorgio , jeraghese studioso insigne della storia del Seprio, che, con la sua autorevolezza di esperto, per primo, durante le sue visite al cantiere per il restauro del campanile confermò, con meraviglia sua, le ipotesi di romanicità della struttura, riassumendole in un bellissimo articolo pubblicato sull’opuscolo di corredo alla inaugurazione.

(Non sfugga che l’opinione corrente al tempo era che il campanile fosse stato completamente ricostruito nel 1820 E. Cazzani).

Altrettanto commosso ricordo va alla dottoressa Maria Adelaide Binaghi, Sovraintendente archeologica della Lombardia, prematuramente scomparsa nell’agosto del 2004, che ha seguito sempre con vivo interesse e rigore scientifico gli studi archeologici sulla nostra chiesa, partecipando con grande disponibilità personale alla conferenza di inaugurazione dei lavori di restauro della chiesa di S. Giorgio.

Articoli in primo piano

Terra arte radici – allocuzione di Anselmo Carabelli – 21 aprile 2007

È motivo di intensa commozione per me aggiungere il mio contributo a questo tema di ”memoria e passione sulle tracce della nostra storia” dopo gli interventi della dott. sa Alpago Novello Ferrerio e del sig. Zaffaroni, che sì esemplarmente hanno contribuito nella pratica alla conservazione ed alla ricollocazione  scientifica di molte vestigia delle nostre origini.

Non a caso è in questa aula, che fu chiesa di San Giorgio che si tiene questo incontro di presentazione. Perché essa, così come voi potete osservare, tanto bella ed accogliente è la realizzazione di un sogno, il sogno di Don Angelo Cassani che volle, che dal rudere che ormai era diventata, questa chiesa tornasse a rivivere nel suo splendore, testimonianza evidente ed inequivocabile della fede cristiana delle popolazioni che ci hanno preceduto.  E fu proprio nel portare a compimento questa opera che si misurarono l’esperienza ed il contributo di tanti amici e studiosi tra  quali, alcuni seppur molto giovani non sono più tra noi. Ricordo con riconoscenza lo stesso Don Angelo mancato recentemente, cui va tutta  la nostra gratitudine per questa grande opera. Ricordo Carlo Mastorgio,  primo ad offrire un supporto scientifico al lavoro di recupero immenso che qui si stava svolgendo, autenticando la romanicità del campanile, che lui aveva riconosciuta attraverso gli elementi di reimpiego romani, da lui  rinvenuti e mappati ai diversi piani delle campiture del campanile. Carlo volle certificare in un suo scritto la retrodatazione al X  secolo di questo manufatto. E con  la sua autorevolezza potè tacitare tutti coloro, che rimproveravano severamente chi con il restauro aveva consentito di spendere soldi per recuperare un campanile che era ritenuto dai più integralmente ricostruito nel 1820. Ricordo di essere salito con Carlo Mastorgio e con Zaffaroni sulle impalcature che ci portavano a ridosso della volta. Mentre Carlo complimentandosi si rallegrava per quei lavori e per la lungimiranza di Don Angelo, ci ricordava con orrore di quando, era stata richiesta la sua opera per sollecitare dalla sovrintendenza il placet per l’abbattimento (naturalmente ottenendo un suo rifiuto alla collaborazione per tale ufficio) Mi avrebbero dato una medaglia al valore ci disse se solo ci fossi riuscito. Questa citazione ricordo per rammentare ai più giovani il clima di disprezzo,intorno agli anni sessanta, per tutto ciò che aveva il difetto di ricordaci il passato.

Ma non possiamo dimenticare l’opera della dottoressa Maria Adelaide Binaghi-Leva, Sovrintendente archeologica per la Lombardia cui si deve, la ricognizione archeologica su quelli che, accidentalmente rinvenuti, ma preconizzati sia da chi vi parla che da Mastorgio, verranno scientificamente riconosciuti come l’abside e l’altare della primitiva chiesa datata dal VII sec. Vestigia, che data la posizione, sotto il transetto attuale, dovevano appartenere alla chiesa originaria di San Giorgio, la cui dedicazione al santo guerriero doveva essere ben cara ai Longobardi,  presenti in Arsago, dalla cui pieve dipendeva Allierago prima del X Sec.

Cio´che mi preme evidenziare, è che da un intervento nascono tutta una serie di interessi che riescono a ravvivare la vivacità culturale di un popolo che indaga la propria storia. Domande alle quali possiamo portare debitamente guidati i nostri figli, i quali si accorgono di un passato che riemerge vivissimo per chi sappia leggere.

Materiale romano di reimpiego, persino simboli apotropaici pagani, tracce di una chiesa primitiva sicura testimonianza di una cristianizzazione di VI e VII sec che comunque ci fanno spingere a riconoscere lo stretto legame con Arsago e i suoi Monumenti Cristiani, con le tracce longobarde

La collaborazione tra diverse persone e tra diverse discipline ha aperto per il nostro paese una finestra sul periodo altomedievale, partendo da osservazioni che si focalizzano proprio in questa chiesa  ipotesi, non campate per aria, portano a fatti concreti. E poiché la storia di questi restauri e di queste attenzioni, non è un unicum, ma si potrebbe ripetere in realtà similari limitrofe.

Articoli in primo piano

Tengo famiglia

Mi capita assai spesso di incontrarmi, anzi direi di scontrarmi con persone che fanno piovere dall’alto la loro competenza o presunta tale e,  siccome poni delle domande semplici alle loro elucubrazioni, praticamente ti fanno capire che tu sei ormai di un’epoca superata. Che si certe cose anche se sostanzialmente giuste, andavano bene una volta ma oggi e´ necessario aggiornarsi.

Allora mi sono chiesto sarà pur vero che sono maturato, meglio invecchiato, ma hanno poi ragione queste persone, che peraltro mi sembrano altrimenti ragionevoli e dotate di una intelligenza media così come tutti ne siamo dotati.

Per rendere esplicito il titolo, tengo famiglia è il motto di chi, pur non comportandosi in modo lineare coi principi che professa o che in altri momenti ti ha espresso, deve scendere a patti con la necessità di guadagnare (non son per altri un manzoniano che tiri quattro paghe per il lesso), appunto perché la famiglia possa permettersi i lussi che lo status del capofamiglia non consentirebbe concedersi.

Vorrei utilizzare uno degli argomenti  che quando ero studente il mio professore di storia  e poi di sociologia  utilizzavano per spiegare il motivo della  fossilizzazione  di alcune società rispetto ad altre nella fattispecie, la società cinese. Essi attribuivano la responsabilità di questa arretratezza  al modo di esprimersi grafico, l’alfabeto. In sostanza una società che si esprime in ideogrammi, cioè simboli, facilmente riserva la comprensione di uno stock di essi  a  un numero sempre più limitato di persone, creando una stratificazione sociale in classi che non sono permeabili fra loro, perché divise dalla comprensione del linguaggio scritto, dove addirittura si inibisce alle classi basse la comprensione del simbolo grafico della classe superiore).

Diverso è il mondo moderno, direi occidentale alla cui base sta un alfabeto, il quale appreso permette la espressione di ogni pensiero, e quindi è aperto a tutti coloro che  lo conoscano senza distinzione di classe. Ecco perché l’unica distinzione sarà rappresentata dalla istruzione o alfabetizzazione.

Vi è pero nella società attuale il tentativo di arroccarsi emarginando i non addetti ai lavori, attraverso l’uso del linguaggio burocratico e del linguaggio tecnico, il quale se è vero non possa venir meno ai suoi concetti basilari che ne costituiscono la tecnica, le  cosiddette istituzioni, è altrettanto vero che non deve farsi estraneo alla comune comprensione. Perché altrimenti diventa un linguaggio per pochi intimi. E questo va bene quando le discipline divengono scienze, ma va meno bene quando esso pretende di rivolgersi a tutti  e vuole fare della tecnica una scienza. Queste sono le discipline economiche che, per quanto, interessano tutti coloro che sono produttori in questo paese.. Oggi la lettura di un bilancio, di per sé cosa semplice, diviene una tale complessità per addetti, dove anche una situazione insostenibile e di collasso, viene celata sotto i commenti di addetti ai lavori i quali appunto tengono famiglia ed hanno imparato perciò a  prostituire la loro capacità analitica alla parcelle, immemori del popolare detto che il medico pietoso fa la piaga purulenta. Ma forse lo stesso mi piacerebbe applicarlo alle prediche di alcuni sacerdoti, che anche se non tengono famiglia, usano termini così lontani dal comune sentire, che così facendo, mentre credono di essere veramente profondi, altro non fanno che esercitare le doti di pazienza dei fedeli.

Articoli in primo piano

In morte di Luigi Turri, membro del comitato di San Rocco

F86DA752-BC8C-4AF0-B15A-E54F01CB69A3

(testo letto da Domenico Lo Fiego alla fine della messa esequiale 8/8/2017)

Caro Gigi, nelle occasioni in cui  si parlava dei tempi trascorsi, ricordavi sempre, come i nostri vecchi al lavoro nei campi, quando  suonava l’ Ave Maria di mezzogiorno, si scoprivano il capo e chinandolo si rivolgevano al crocifisso del Campanile recitando una preghiera.

Ecco anche oggi, al passaggio del tuo corteo funebre dall’amata chiesa di San Rocco, uno del gruppo suonerà per te quella campana del piccolo campanile, che sempre saluta chi di noi, al compimento della vita terrena, raggiunge il Campo Santo.  Rintocchi di preghiera al Signore in tuo suffragio e ringraziamento per tutte le preziose energie versate nelle iniziative che, sempre in sintonia coi Parroci di san Giorgio, tengono viva la nostra chiesa di San Rocco.

Ti ricorderemo, sempre presente alla messa del lunedì, come hai fatto con estrema sofferenza anche in questi ultimi tempi, assiduo ai rosari, al triduo per la festa del Santo. Grazie per il tuo prezioso contributo nell’opera di manutenzione ed  alla convivialità che ha sempre fatto seguito alle feste religiose.

La tua testimonianza sarà per noi prezioso insegnamento.

In occasione del primo lustro della scomparsa del nostro caro amico Gigi, vorremmo proporre alla amministrazione comunale del comune di Jerago con Orago di dedicare il parco fronte Piazza Mercato alla memoria di Gigi Turri, parco che deve a lui la piantumazione del grande abete che si trova all’entrata, da lui regalato al Comune di Jerago Con Orago negli anni in cui fu presidente della locale Pro Loco.

Articoli in primo piano

Nuovo quadro della Madonna di Medjugorje

foto di Gianfranco Battistella

Da qualche mese un altro quadro mariano abbellisce le vie del nostro paese.

Ancora una volta il pittore Gianfranco Battistella ha realizzato un’opera artistica con soggetto mariano, che arricchisce il novero di edicole sparse per le vie di Jerago.

Questa volta il soggetto è la Madonna di Medjugorje. Nell’affresco trovano spazio anche il richiamo alla Chiesa di San Giorgio in Jerago (in basso a sinistra) e alla Chiesa di San Giacomo della cittadina dell’Erzegovina (in basso a destra).

L’affresco è posto ad inizio di via Giulio Bianchi sull’angolo con Piazza Mazzini, sui muri del Panificio Mastorgio.

Il dipinto è nato appunto grazie all’iniziativa della famiglia Mastorgio che lo ha commissionato al pittore jeraghese Gianfranco Battistella, già autore di molti affreschi mariani a Jerago con Orago.

Ringraziamo la famiglia Mastorgio e il sig. Battistella per questo bel dono alla comunità!

Articoli in primo piano

ul Campanin Rumanic da San Giörg

foto di Francesco Carabelli

In dul an dul Nost Signur          

milneuvcéntnuvanta e vun  

sin mitù a suna’ anca lur      

i campan da sto Cumun              

I sentivum pù canta’     

i fasévan pù ” din don ”           

vidéi gio’ in mèza al prà       

l’éra na désulazion                

An  duü tirai giò inséma            

parché éan périculus                

Don Lüis gavéa un patéma            

a vidéi li’ sanza vus              

Ma pérò la züca düra                

dul Don Angiul e d’Jéraghés        

una  Tur da gran fatüra            

han ridài a sto paés               

“Bèla roba! và sai fan!”            

a diséa cèrta gént                 

“sa peu viv senza campan!!!        

i duarian fa un bèl niént”         

“Sto marsciön d’un campanin!       

a lé tut da büta’ gio’…          

a lüstral cume un füsil            

in invece dré anca mò”              

Par furtüna che ai bàban                 

quèi balos g’han dài mia trà        

al Cüräd gh’han dài na man            

ghé andài inanzii i laurà            

Però adès che hann vidù’

ca ghèm chi na méraviglia    

i cipisan quasi pù      

ghé cambiäda la quadriglia”

Cunt un mücc da vulunta’             

tanta bona e brava gént

han scuprì na rarita’

a partì quäsi da niént!                                                   

Mo che ul campanin l’é li’

drizz in tüt ul so spléndur

végh un monumént inscì

lé par tüc un grand unur

n’han parlò fin süi giurnäi

tant le’ vec e tant l’è bèl

fa na copia écéziunäl

mitù inséma al nost Castèl

Finalmént quand ghé na fésta

quand g’avèm d’andà in gésa

o a na cérimonia mèsta

quand na copia la sa spusa.

séntirém sunà a distésa

opür trista na campana.

la ga ciamarà a surprésa

fin che Dio al ga mét a nana.

Poesia scritta da Cesare Ferioli in occasione del restauro del campanile di San Giorgio in Jerago nel 1991 (versione tratta da Anselmo Carabelli con Enrico Riganti, Le ricette della nonna. Cucina, usi espressioni, attività, feste religiose nella vita di un borgo dell’alto milanese tra il 1800 e il 1940, Collana Galerate, Tipografia Moderna, Gallarate, 2000)

Articoli in primo piano

La Grotta di Lourdes di Jerago – Un´immagine d´epoca

Fermamente voluta e realizzata da Don Luigi Mauri dedicata alla Immacolata Concezione di Maria Vergine nel ricordo delle apparizioni di Lourdes. Anno 1960

Da questo luogo, così come dalla Sacra statua di Maria Immacolata nella Chiesa di Orago irradia la devozione mariana dei nostri paesi culminata con l’Atto di affidamento del Comune alla Beata Vergine Maria emanato dell’amministrazione comunale, guidata dal sindaco Eliseo Valenti unitamente a tutti i consiglieri il giorno 31 dicembre del 2007 nel centenario di fondazione del Comune.

Così  è descritto questo significativo atto pubblico in ”Jerago con Orago un secolo con i suoi protagonisti” a pag. 98 :

“Con questo atto si riconosce, nel centenario del Comune, come le radici cristiane della nostra popolazione e la sua fede in Dio e nella protezione pubblica e privata della Madonna abbiano sempre guidato la concordia civile, sia nei momenti di dialettica politica più accesa, sia nei momenti di sospensione forzosa di tale dialettica, proteggendoci da esiti sovente irreparabili se non fossero stati mitigati da una profonda fede ….  Una popolazione che ha  trovato conforto, voglia di progredire, coraggio, proprio nella certezza dell’aiuto divino, con l’insegnamento dei parroci e guidata da amministrazioni il cui agire era profondamente ispirato dalla dottrina sociale della Chiesa”.

Articoli in primo piano

Maria Regina Pacis

foto di Francesco Carabelli

Da qualche mese è comparso un nuovo affresco mariano sui muri di Jerago con Orago.

Si trova verso la fine di via Cavour a Jerago, nei pressi di Corso Europa, ed  è stato installato sul muro della casa della famiglia Bertoncello/Carrieri, che ha commissionato il dipinto al pittore jeraghese Gianfranco Battistella.

Il tema scelto è quello di Maria Regina della Pace (Regina Pacis), tanto piu´attuale in questo periodo di conflitti bellici in Europa orientale.

I colori delle vesti di Maria richiamano infatti la bandiera Ucraina (giallo e azzurro) e la mela nelle mani del bambino Gesu´ ricorda che egli è il Salvatore (Σωτήρ) mandato dal Padre per redimere il mondo dal peccato originale di Adamo ed Eva.

Il pittore si è ispirato per le figure dipinte all´ambiente familiare, prendendo spunto diretto da sua nipote e da un suo cuginetto.

Ancora un altro bel quadro ad ampliare la devozione mariana del nostro paese!

Ringraziamo la famiglia Bertoncello/Carrieri e il pittore Gianfranco Battistella per questo regalo fatto alla nostra comunità!

foto di Gianfranco Battistella

foto di Gianfranco Battistella
Articoli in primo piano

Vecchia Edicola Beata Vergine de La Salette

Leggi nostri articoli precedenti sull´argomento

Foto Vecchia Edicola Beata Vergine de La Salette

Inaugurazione dell’affresco delle B.V. de La Salette- il perché di un’opera

Articoli in primo piano

Madonna della strada

Testi tratti da Camminiamo insieme – febbraio 2017

Benedizione dell’edicola votiva dedicata alla Madonna della strada

Domenica 18 dicembre 2016 è stata benedetta e proposta alla venerazione dei fedeli e dei passanti l’edicola collocata in vai Alfieri angolo Corso Europa, dedicata alla Madonna della strada.

Alle ore 11, al termine della S. Messa, un gruppo molto numeroso di fedeli si è avviato in processione dalla Chiesa parrocchiale verso il luogo in cui è stata costruita l’edicola, recitando il S. Rosario. Accompagnavano la processione don Remo, nostro parroco, monsignor Mario Delpini, il sindaco G. Ginelli, il pittore del quadro Gianfranco Battistella, e il Corpo musicale S. Cecilia di Jerago.

La gratitudine al Signore e alla Madonna per la conservazione della vita di MariaChiara è all’origine della costruzione.

Durante i lavori di edificazione molte altre persone hanno voluto esprimere la riconoscenza e l’amore alla Vergine Maria e affidarsi alla sua protezione donando la loro  opera, qualche materiale, il contributo di idee e suggerimenti, i fiori, l’illuminazione, al musica che ha accompagnato la cerimonia. A tutti va il più vivo ringraziamento.

Francesco Delpini

Perché la Madonna della Strada?

C’è una storia di devozione: un’antica immagine proposta alla gente che passava ha raccolto le preghiere di Sant’Ignazio di Loyola negli anni della sua presenza a Roma, ha ascoltato le preghiere rivolte nei secoli, ha assicurato la sua intercessione per ogni pena e per ogni speranza che Le è stata confidata. Ci sono buone ragioni che fanno pensare che ascolterà anche le preghiere della gente di Jerago e di chi passerà davanti all’immagine quando le volgeranno lo sguardo.

Note storiche

A Roma sin dal 14° secolo sulla strada che andava da San Pietro verso il colle del Campidoglio, esisteva una chiesetta molto piccola e angusta nella quale si venerava un affresco con l’immagine della Madonna della strada.

La costruzione era stata fatta per devozione a lato di una strada che portava fuori Roma e chi si metteva in viaggio si fermava per una preghiera, per ottenere la protezione di Maria dai briganti, che erano molto numerosi, dagli eventi atmosferici  avversi e dalle malattie.

Con il passare dei decenni la città si allargò e nella prima metà del 1500 la chiesetta si trovò nella parte centrale e più popolosa della città ed era diventata parrocchia.

Nel gennaio del 1541 la piccola chiesa, sempre cara alla popolazione, risultava ammalata. Fu in quel mese che Ignazio di Loyola prese in affitto una povera casupola di proprietà di Camillo Astalli e che si trovava proprio di fronte alla chiesetta.

Poco prima infatti Papa Paolo III aveva concesso a Ignazio l’uso dell’edificio per le attività di catechismo, di predicazione e di ministero sacerdotale da parte della nascente Compagnia di Gesù.

Per intervento di don Pietro Codacio, giovane sacerdote e prelato della corte pontificia, la chiesa venne poi donata “in perpetuum” alla Compagnia di Gesù…

In seguito, non potendoci stare la molta gente che accorreva ad ascoltare la parola di Dio, l’edificio fu allargato con vari mezzi e aggiunte. Nel 1568 il cardinale Alessandro Farnese, principe di grande autorità e prudenza, cominciò a costruire un tempio sontuosissimo, dal disegno e lavoro meraviglioso, che oggi è la chiesa del Gesù e all’interno della quale è conservato l’affresco della Madonna della strada.

Da: Ricardo Garcia-Villoslada: Sant’Ignazio di Loyola, una nuova biografia – Edizioni Paoline 1990

Articoli in primo piano

La Madonna del fuoco

Articolo pubblicato su Un popolo in cammino – dicembre 2011 a cura di don Remo, del prof. Armando Vanzini, autore del dipinto, e dei redattori del giornale

Vi siete accorti che da qualche giorno in Via San Rocco al numero civico 17 c’è una bella effige della Madonna?

E’ un’immagine molto suggestiva e avvolgente: un bellissimo volto di donna, coperto da un magnifico velo blu, è accanto a un paffuto e roseo Bambin Gesù. Sullo sfondo un paesaggio ameno, familiare e rassicurante. In realtà un dipinto simile esisteva già in quel luogo che nell’Ottocento era una tipica corte lombarda abitata da più famiglie. Si racconta che una volta un terribile incendio bruciò il fienile e la zona del cortile, ma il fuoco si fermò davanti al quadro della Madonna. le famiglie grate e devote per il pericolo scampato, addobbavano sempre un altarino durante le processioni delle feste principali del paese. da tempo gli abitanti di Via San Rocco volevano riportare in vita il dipinto, ma non esistevano tracce o foto di quello precedente. Si è così deciso di commissionare l’opera al professor Armando Vanzini che l’ha realizzata in piena libertà e con grande passione. Il risultato è sorprendente: l’immagine della Madonna col Bambino si staglia luminosa sulla parete e risalta soprattutto all’imbrunire con i suoi colori vividi e caldi.

Presto sarà benedetta da don Remo

——————————

Relazione tecnica: l’edicola votiva di Via San Rocco – Madonna del Fuoco

Diversi mesi fa mi fu proposto di realizzare una Madonna che avrebbe sostituito un’immagine ad affresco posta in Via San Rocco e ormai irrimediabilmente persa: la cosiddetta “Madonna del Fuoco”, poiché un incendio si era formato proprio in prossimità della casa sulla quale si trovava l’ immagine sacra.

Di quest’opera purtroppo non è rimasto nulla che potesse essere di riferimento iconografico per eventuali recuperi dell’ immagine stessa, cosicché non restava che proporre ex novo un’opera che potesse essere sostituita alla precedente.

L’idea quindi, è stata di proporre una Madonna con Bambino d’impostazione classica ispirata ad un’opera del pittore veneto quattrocentesco Giovanni Bellini, il quale nel dipingere le sue Madonne seppe unire all’uso magistrale del colore, l’efficacia delle emozioni umane, interpretando l’immagine religiosa con spirito di grazia e verità umana.

E’ stata un’esperienza senza dubbio impegnativa ma stimolante e di grande soddisfazione personale nel vedere che la comunità di Jerago ha la sua nuova “Madonna del Fuoco”.

Prof. Armado Vanzini

Articoli in primo piano

In ricordo di Rina Cardani

foto di Francesco Carabelli

Rina – San Rocco: per anni è stato vissuto un sodalizio indiscusso

Negli anni della buona salute e del tempo disponibile, Rina ha dato le sue energie, la sua attenzione, le sue premure perché la chiesetta di San Rocco fosse custodita con ordine ed ogni oggetto fosse conservato con cura. L’arredo dell’altare e i paramenti del celebrante dovevano dimostrare la sacralità dell’ambiente; gli addobbi e i ricami dovevano esprimere la fede dei presenti e l’amore con cui lei, Rina tutto preparava per la Gloria di Dio.

Grazie per quanto hai fatto per la nostra comunità.

Don Franco Rustighini

Testo pubblicato nel numero di febbraio 2007  di Un popolo in cammino in ricordo del primo anno dalla scomparsa di Rina Cardani avvenuta nel gennaio 2006

Articoli in primo piano

Chiesa di San Giorgio restaurata

ricostruzione – disegno di Armando Vanzini

L’edificio, già chiesa parrocchiale di Jerago dismessa al culto verso il 1925, è stato completamente restaurato e salvato da sicura distruzione per la lungimiranza del parroco Don Angelo Cassani, recentemente scomparso.

023-Chiesa6

024-Chiesa7

I lavori iniziati nel 1993 col recupero del Campanile rilevatosi romanico, databile X-XII sec, sono poi proseguiti col ripristino dell’aula e della cappella del Battistero.

027

La chiesa come appare attualmente è il frutto di successivi ampliamenti ed adeguamenti. Si apprezzano una prima fase romanica, Campanile e tratti murari romanici X-XII sec. inglobati nell’edificio cinque-seicentesco. Alla fase tardo medievale XIV sec  è ascrivibile la cappella battesimale quadrangolare  con decorazione parietale con campiture a losanga in tecnica graffita del XV, la cui decorazione pittorica è attribuibile al XVII . Nella chiesa l’ampliamento settecentesco e’ evidenziato dal sopralzo del campanile e dal sopralzo dell’intera struttura, sostanzialmente rimanendo inalterati i perimetri nord e sud con modifica della facciata poi abbattuta per far luogo all’ultimo ampliameto del 1885. Di questo si vedono la nuova abside, ancora in mattoni grezzi, l’allungamento verso ovest con la creazione di due vani oltre la cappella battesimale, che consentono due piccoli matronei e palco per cantoria e organo sopra l’ ingresso principale. Mancano per l’osservatore la scalinata di accesso centrale e il portone di ingresso del 1885, eliminati verso il 1940 per motivi di viabilità. Le indagini archeologiche hanno confermato fondazione murarie relative ad edificio di culto antecedente al romanico, piu modesto di fase altomedievale VII-IX .

029

Articoli in primo piano

Ricordo di don Franco Cardani

fonte immagine: https://www.chiesadimilano.it/news/preti-defunti-articoli-preti/don-franco-cardani-283278.html

Articolo di don Remo Ciapparella apparso sul numero di Ottobre 2019 di Camminiamo Insieme, informatore comunità pastorale “Maria Regina della Famiglia” Jerago-Orago-Besnate

Un tesoro di fratello. Noi Jeraghesi siamo orgogliosi di averlo avuto in dono, averlo incontrato, conosciuto, apprezzato per la sua signorilità e preparazione pastorale. E’ stato un dono straordinario al servizio umile e nascosto della CHIESA tutta, anche in momenti di sofferenza e difficili. E noi lo abbiamo donato volentieri alla CHIESA  tutta.

Quando si incontrava, non si tornava a casa senza aver ricevuto da lui un insegnamento, un consiglio a volte accompagnato dalla sua proverbiale ironia che era segno di una persona intelligente e capace di ridere di se stesso senza complessi. Era naturale e trasmetteva quella passione per la Chiesa e per gli altri che non è comune avvertire in guide spirituali. Tanti l’avevano scelto come confessori, anche sacerdoti, proprio per questa sua ricchezza d’animo e naturalezza nel vivere la fede senza cedimenti e coraggio. Alla fine ha vinto la debolezza del fisico, ma sempre pronto a dare il massimo fino all’ultimo. Una delicatezza umana che aveva come unica preoccupazione di non urtare nessuno e di non essere di peso. Un grazie speciale alla sorella ROSA che si è sobbarcata in ultimo tutto il peso di seguirlo e accompagnarlo all’incontro con GESU’. Un esempio per tutti noi, un frutto di un albero rigoglioso di una comunità semplice come quella di JERAGO che ha saputo nella fede vissuta senza clamori attingere alla radice profonda della testimonianza dei nostri padri, e dare alla CHIESA CAPOLAVORI meravigliosi come questo.

GRAZIE don FRANCO!

 

 

Articoli in primo piano

Freguj

Vi sono delle espressioni e modi di dire dialettali che vanno perdendosi, ma molto rilevano del nostro passato. Ad esempio:

A teu mié sa peu pu turna indré– quando si prende moglie non si può più tornare sui propri passi. Teu è un verbo all’infinito e ha due significati: uno di origine barbarica che vorrebbe dire acquistare, quindi farebbe pensare a due clan e ai loro accordi matrimoniali, in sostanza il padre dello sposo offre dei beni per la futura moglie del figlio, cioè quasi gli compera la moglie che sarà comunque beneficata anche dalla famiglia di origine di una dote che nel nostro dialetto chiama schirpa con espressione pure di origine longobarda. Se passiamo alle seconda accezione latina il verbo teu farebbe riferimento a tollere,-sollevare, prendersi carico. Possiamo affermare ciò, perchè sappiamo dagli studiosi del diritto romano che un genitore latino riconosceva il figlio, dato  alla luce in sua assenza, perché al seguito della sua legione, solo dopo che : posatoglielo sulle ginocchia dalla moglie, lui lo avesse sollevato, coram populo (di fronte a tutti) in segno di riconoscimento .

In un’altra espressione dialettale relativa alla vita di famiglia, quando  gli  sposi, sono gratificati dalla nascita un figlio, si dice ca in andai a teu un fieu, cioè hanno avuto un figlio, e perciò si fanno carico di tutti gli obblighi, ove il teu, originato dal latino tollere riprende la sua accezione di obblighi  legali. Non è un caso che nel matrimonio concordatario il celebrante legga agli sposi anche gli obblighi civili che lo stesso fa nascere fra coniugi. La chiesa cattolica per il rito religioso cui gli sposi si rivolgono rende questo vincolo sacramentale ed indissolubile per gli sposi. Quindi per i nostri antenati come per noi cristiani cattolici vale fermamente questo: a teu miè a sa peu pu turnà indré.

Articoli in primo piano

Atto di affidamento del Comune di Jerago con Orago alla Beata Vergine Maria – 31 Dicembre 2007

Premesso che:

  • Il comune di Jerago con Orago è stato costituito con la legge. 48 del 28 febbraio 1907, a seguito dello scioglimento del preesistente Comune di Jerago con Besnate ed Orago  (Provincia di Milano)
  • La comunità municipale si articola nelle due frazioni di Jerago e di Orago, coincidenti con le due Parrocchie  di San Giorgio in Jerago e San Giovanni Battista in Orago 
  • Entrambe le due Comunità parrocchiali sono affidate al compatrocinio della Madonna, rispettivamente Nostra Signora del Carmine. Jerago e la Beata Vergine Immacolata. Orago

Rilevato che:

  • Il “Centenario” è uno straordinario momento di riflessione per la Comunità locale, per fare memoria della storia del Paese ed anche per ringraziare la “Beata Vergine Maria” per la costante protezione offerta al Paese, protezione che sicuramente ha evitato sciagure e distruzioni irreparabili ed ha favorito il progresso e le conquiste sociali.

Ritenuto:

  • Importante affidare alla Beata Vergine Maria l’intera Comunità di Jerago con Orago

Auspica che:

  • La Beata Vergine Maria, nella Sua Immensa bontà, faccia discendere sulla Comunità di Jerago con Orago la Sua materna e perenne Benedizione.

Accertata:

  • La sussistenza dei presupposti di fatto e di diritto

Rilevato che:

  • Nulla osta all’assunzione del predetto provvedimento, per i motivi sopra addotti

Accertata:

  • La propria competenza ai sensi dell’art. 50 del testo unico delle leggi sull’ordinamento degli enti locali

Acquisiti:

  • I pareri favorevoli di tutti gli Assessori e di tutti i Consiglieri Comunali

AFFIDA

alla BEATA VERGINE MARIA  la Comunità di Jerago con Orago, in occasione del primo Centenario della costituzione del Comune

DISPONE

  • Di comunicare il presente provvedimento ai Parroci di Jerago e di Orago, con preghiera di dare notizia alle rispettive comunità parrocchiali dell’affidamento dell’intera Comunità locale alla Beata Vergine Maria
  • Di esporre il presente provvedimento presso la Sede comunale

Jerago con Orago, 31 dicembre 2007

Il documento è firmato dal sindaco rag. Eliseo Valenti e dai consiglieri comunali

Tratto da Anselmo Carabelli, “Jerago con Orago – Un secolo con i suoi protagonisti” , Macchione Editore, Varese 2008 – pagg. 26-27

fonte immagine: Anselmo Carabelli, “Jerago con Orago – Un secolo con i suoi protagonisti” , Macchione Editore, Varese 2008 – pag. 14
Articoli in primo piano

Spirito europeo attraverso il gemellaggio

fonte immagine: comune.jeragoconorago.va.it

Lo spirito europeo attraverso il gemellaggio consente una reciproca conoscenza tra persone di diverse nazionalità nella interpretazione della esigenza di fratellanza europea.

Ecco queste realizzazioni vanno lette come un filo di Arianna che si dipana attraverso i vari periodi amministrativi caratterizzati certamente dalla personalità del sindaco pro tempore, dai suoi assessori  e dal consiglio comunale. I quali, se visto ex post, lontano dall’agone elettorale, democraticamente si susseguono, raccolgono i frutti del lavoro precedente, ne apportano di loro e lasciano i loro studi e le loro opera a chi li seguirà in una continuità di azione il cui risultato è il bene della comunità.

Di tale spirito è significativo, una frase dal discorso di insediamento del Sindaco Ferruccio Bossi che pensiamo si possa ben adattare a tutti gli amministratori che si sono succeduti alla guida del nostro Comune:  “Chi si impegna in politica non lo fa partendo dalla prospettiva di essere sconfitto, ma cerca giustamente di ottenere quel consenso che gli dia il potere di realizzare i programmi che ritiene possano contribuire al bene comune. Se questo è vero, l’invito fatto con il cuore più che con la ragione, è di operare, tutti quanti insieme con concretezza e se mai, mediazione ci deve essere, questa non dovrà mai avvenire a scapito dei valori ed è proprio per questo che lo stile del confronto e del dibattito non dovrà essere quello della contrapposizione personale. Se il fine della politica è il raggiungimento del bene comune, cioè di tutte quelle condizioni sociali, morali, religiose, di cultura ed economiche che permetteranno a tutti i membri della società, sia singoli che liberamente associati, di sviluppare la persona umana in tutte le sue correlazioni; se in altre parole, la politica vuol essere un ”servizio alla società civile”, in quanto società di persone avente ognuna una propria dignità, un proprio valore, un proprio fine, nel rispetto di quelli del prossimo, allora cari consiglieri, mettiamoci al suo servizio con rispetto, sì, ma con la massima attenzione ai principi morali che richiede”.

Articoli in primo piano

Il mondo tessile

fonte immagine: wikipedia.it

La grande importanza che assunse l’attività tessile nel comparto gallaratese e bustese ebbe il culmine nella edificazione dell’edificio della mostra del tessile a Busto Arsizio. Luogo nel quale negli anni cinquanta si potevano incontrare, con ricorrenza annuale gli operatori di quel mondo, che con dizione moderna si potrebbero definire la filiera del tessile, infatti se escludiamo Biella, Schio e Prato prevalentemente lanieri, tutto il mondo cotoniero era proprio tra Gallarate, Busto, Castellanza con la Valle dell’Olona e Legnano, culle della prima industrializzazione locale. Si potrebbe osservare che industrie tessili erano diffuse in tutta Italia già negli stati preunitari, che potevano vantare quartieri di produzione tessile di valore strategico militari per la produzione di uniformi e casermaggio. Ma se le forniture militari furono la peculiarità di officine nate ad hoc, Caserta (Borbone), Varano Borghi (Austria-Lombardo Veneto), non così avvenne ai prodromi dell’industria tessile locale che fu prevalentemente impresa di uomini, poi riconosciuti come capitani d’industria, che puntarono tutto sul cotone quale fibra tessile di futura espansione. Anteriormente alla prima industrializzazione, si confinava l’attività tessile a funzione complementare della attività contadina, cui applicarsi nei momenti di stasi da lavori agricoli.  Quattro donne intente alla filatura manuale producevano il fabbisogno di un tessitore al telaio. Il tutto governato da una serie di commercianti che consegnavano il cotone in fiocco da filare presso le cascine e ritiravano i panni tessuti per una lunghezza standard di 15 metri. L’aumento della richiesta di panni di cotone, apprezzato e favorito presidio al miglioramento delle condizioni igieniche della popolazione, fu supportato dalla produzione dei filatoi meccanici Janette introdotti da Cantoni ad Arnate con motore a cavalli. Produzione, comunque, appena sufficiente per la richiesta dei nuovi telai a navetta volante. Navetta che dipanava il filo dalla spola continuamente sia che essa viaggiasse da destra a sinistra, che da sinistra a destra nella cassa battente del telaio. Operazione di continuità produttiva resa possibile da una chiocciola in materiale ceramico inserita nella navetta stessa, che la rendeva veloce, appunto da dirsi volante. E così con graduali miglioramenti ed accorgimenti tecnici, nasce il telaio meccanico automatico di grande produzione e si avvierà la produzione a carattere industriale, laddove un fiume come l’Olona potrà dare movimento alle macchine con la stessa tecnica di moto del molino ad acqua fluente. La curva di domanda di prodotti tessili di cotone sarà sempre in costante aumento per l’apprezzamento che tale fibra ha presso i consumatori.  La necessità di accaparrare la fibra, che deve essere acquistata in paesi esteri: America ed Egitto, spinge i commercianti ad impratichirsi in tecniche commerciali sempre più specialistiche. Rapporti finanziari sempre più fitti su scenari economici diversi, navigazioni e trasporti terrestri: in nuce si forma il comparto del credito bancario e dei trasporti di pari passo con lo sviluppo delle ferrovie. Ma se il telaio meccanico fa sparire il tessitore sotto casa, a breve la dismissione dei  primi telai ormai sostituiti con modelli sempre più produttivi con cambio automatico di spole, fa rinascere le piccole attività casalinghe, che hanno bisogno del solito commerciante che per affrancarsi dai grossi produttori distribuisce telai dismessi delle tessiture che si stanno modernizzando con i nuovi prodotti del meccano-tessile e con la possibilità di utilizzare il motore elettrico con la diffusione della corrente elettrica.  E un telaio dismesso può sempre prendere il posto nel portico di una cascina, opportunamente chiuso e la moglie diventare tessitrice, mentre il marito, assistente presso una tessitura, al ritorno potrà ben aggiustare i telai della moglie tessitrice in casa. Questo in breve, per la gran voglia di lavorare e di migliorare delle nostre popolazioni, diede avvio alla nostra avventura industriale. Uomini orgogliosi del proprio lavoro, normalmente usi a frequentare il circolo o il circolino di domenica, non mancavano mai di ritrovarsi, vestiti della festa, con giacche sovente strette, perché ancora quelle dello sposalizio, sì proprio nell’occasione di quelle mostre divenute ormai internazionali. L’originale, principiando dalla mostra del tessile di Busto, fu poi snobbata per la famosa ITMA, acronimo di rassegna internazionale dei prodotti dell’industria tessile, che si svolgeva ogni quatto anno nelle sedi dei paesi tessili per eccellenza: Parigi, Basilea, Hannover, Milano.

LOGO_ITMA2023

Ed era una vera gioia quel viaggio verso quelle mostre. Dove ci si trovava tutti, ma proprio tutti. Dove assistenti, titolati, maestranze tecniche, sfoggiavano il vestito bello e ci si attardava nella visita degli espositori dei macchinari più avanzati, con la segreta speranza che anche loro un giorno avrebbero potuto disporre dei macchinari migliori del mercato. E man mano che gli anni avanzavano, e le mete si alternavano, si andava dai primi viaggi avventurosi in macchina, a quelli in aereo per raggiungere Parigi, Hannover, Basilea.

Quante volte si partiva alla ventura, stipati nelle macchine di allora, le prime millecento o le giuliette, si passava il San Gottardo e via verso Basilea. Dove arrivavi e ti accorgevi che la mostra era si organizzata alla maniera svizzera, ma siccome non c’era ancora una vera sede per quella che poi sarebbe diventata la famosa Messegelände (area della mostra del tessile), ogni padiglione immetteva direttamente nelle vie della citta ed era strettamente serrato ad una entrata presidiata ed era necessario dotarsi di un pass, cioè di una bustina di plastica trasparente dove l’ufficio della Messe (fiera) aveva predisposto il tuo nome con tanto di indirizzo e di ditta. Già, ma era NECESSARIO disporre di questo titolo che doveva essere preventivamente prenotato. In breve, come avresti potuto visitare la tanto desiderata mostra, senza di esso e come disporre a breve del pass, se il tempo tra la prenotazione ed il rilascio era di tre giorni? Quindi niente pass, niente possibilità di accesso alla mostra, infatti ogni padiglione aveva la sua porta separata sulla pubblica via ed ogni accesso era quindi un nuovo accesso.

Mio papà ed io arrivammo e la prima persona che incontrammo fu un tessitore anch’egli del nostro paese cha aveva fatto la medesima esperienza nostra, che ci accolse con un: “Ma chi sem matt, ho fai quatarcent chilometri, par turnà indre e vide nient”. Come fare? L’attenzione si volge ad una disumana fila di centinaia di persone, che si apriva solo in prossimità di tavoli espositori dove degli schedari erano carichi dei famosi pass da ritirare, divisi per lettera alfabetica. In teoria l’organizzazione elvetica aveva pensato che chi era munito del permessino di accesso del costo di 29 franchi, richiesto tre giorni prima, presentava il tagliando all’addetto e poi questi lo ritirava da quegli schedari posizionati sui tavoli. Certo così era nella mente degli organizzatori svizzeri, ma svizzeri tedeschi. In effetti, la calca era così tanta ed il ritardo alla consegna del titolo così lento che alla fine, ognuno cercava di aiutare l’addetto nella ricerca del suo titolo. E fu così che l’italica e non solo italica furbizia prevalse sul lento incedere dell’addetto e ognuno si affrettò, aiutando a pescare il suo badge, ma per la verità capimmo subito che bastava, per semplificare, pescarne uno qualsiasi per poterlo attaccare alla giacca ed entrare. E pescato il badge cosa mi importava se invece del mio nome esponevo un altisonante nome francese di un dipendente di una altrettanto nota fabbrica di telai svizzera? L’importante era entrare…

fonte immagine: varesenews
Articoli in primo piano

I racconti del Lockdown

Parte dei racconti pubblicati nascono nel periodo di forzata chiusura e reclusione dovuta alle imposizioni sanitarie che abbiamo dovuto rispettare al fine di impedire al Covid di fare gravi danni col diffondersi in modo incontrollabile.

2560008903126_0_0_424_0_75

Letteralmente la traduzione in italiano di lockdown è chiudere la saracinesca. In altre epoche le parole inglesi o straniere venivano storpiate in modo tale da facilitarne la memoria ed il significato con accostamenti anche forzati, si pensi a cross country – corsa campestre che diveniva Gross cuntra tri.  L’attributo di Gross ai giganteschi atleti, era immediato pei Cavariesi della Sempre Avanti Cavaria che avevano inventato il cross-country dei Sette Campanili attirando anche atleti stranieri anglofoni, che forse meglio nutriti, quali certamente erano, apparivano ai numerosi tifosi come dei veri armadi, gross quindi, per raffronto ai nostri mighelini-tri-tri.  Si pensi che nel nostro vernacolo per indicare una persona mingherlina si usava proprio definirlo un tri-tri. Mentre sei chiuso in casa riandare con la memoria ai momenti piacevoli trascorsi penso sia un esercizio che non può fare del male, anzi ravviva l’amore per quei luoghi tanto amati e forse snobbati, che proprio perché irraggiungibili diventano tanto preziosi almeno nella memoria.

Articoli in primo piano

Notizie Storiche su Jerago con Orago (aggiornate ad inizio millennio)

fonte immagine: wikipedia.it

Due Comunità vivono ed operano sul territorio, amministrativamente unite dal 1907 nel Comune di Jerago con Orago e formanti  le due Parrocchie di San Giorgio in Jerago e di San Giovanni Battista ad Orago.

La storia, nel suo più vasto divenire, ha lasciato tracce sicure fin dall’epoca romana con ritrovamenti di materiali fittili e balsamari in vetro, esposti presso il Museo della Società di Studi Patri di Gallarate. Notevole anche un Glans in piombo che unitamente alla citazione nel Corpus Inscriptionum Latinarum di una iscrizione a Giove testimonia la  frequentazione antica per motivi civili, militari e religiosi. Nel territorio la via NOVARIA (Comum Sibrium Novaria) incrociava la via Helvetica (Gallarate Svizzera) probabilmente in località Pilatello (toponimo, questo, legato al cippo miliare romano). La presenza nella cascina di un interessante affresco mariano rafforza tale ipotesi. Le due alture sulle quali si ergono i Castelli di Jerago e di Orago, già viscontei, oggi dimore signorili ristrutturate tra il 1400 ed il 1600, furono in origine elementi del limes del Seprio, ed in epoca medioevale divennero zone di incastellamento.

La vicenda dei Visconti di Jerago vede gli jeraghesi Andrea Visconti maestro generale dell’ordine degli umiliati; Pietro Visconti podestà di Bergamo dal 1357 al 1359 e di Cremona dal 1372 al 1399; Giampietro Visconti, abate di S. Abbondio a Como nel 1460; Antonia Visconti, moglie  in prime nozze di Francesco Barbavara  (primo cameraio di Giangaleazzo Visconti) e, in seconde nozze nel 1517, del Carmagnola (uomo d’arme di Giangaleazzo e poi della Serenissima).

La chiesa di San Giovanni ad Orago reca testimonianze “in cornu evangeli” di un arco di fattura trecentesca, che richiama il Chiostrino di San Franceso in Gallarate (che aveva benefici in Orago ed era in prossimità della porta Helvetica). Il nome di Orago appare su una mappa della Sala delle Carte Geografiche in Vaticano.

Più visibili le tracce del periodo medioevale nella parte romanica del Campanile della restaurata Chiesa di san Giorgio  in Jerago (X sec) e nella Chiesa di San Giacomo (XI sec).

Le due frazioni, nel corso dei secoli si sono integrate molto più di quanto il campanilismo abbia potuto di fatto dividere. Le località del Giambello e del Mulinello di Orago, avvalendosi del pressocchè costante fluire dell’Arno nel canale che prende il nome di Arnetta, si sono specializzate nell’attività molitoria fin dal 1500, mentre a Jerago, nella parte alta del paese si sviluppava la coltivazione dei cereali meno nobili. In Località Vignolo e Bacino si possono  ritrovare ancora ampie terrazzature attribuibili alla influenza dei Monaci benedettini di Sesto C, mentre in località Moscone si possono ancora riconoscere delle peschiere, che come ricorda Bonvesin Da la Riva, permettevano di portare quotidianamente pesci freschi dalla valle dell’Arno fino a Milano.

A Jerago sono da ascivere attività di officine di mattoni e laterizi fin dall’epoca romana. Dal caratteristico colore rosso chiaro: formelle visibili al museo di Studi Patri, embrici e sospensure inseriti a decoro nel Campanile Romanico di San Giorgio.

Così fu che le prime attività industriali in senso assoluto (1835) furono le fornaci per mattoni da attribuire alla libera iniziativa di G. Bianchi.  Le stesse attività laterizie erano già presenti artigianalmente fin dal 1727, poiché buona parte del territorio collinare risultava adibita alla coltivazione di cave di argilla per la costruzione di mattoni, previa ibernazione (così come è rilevabile da catasto Teresiano).

Nel 1900 nascono con l’avvento dell’energia elettrica le prime officine meccaniche (Sessa-Rejna), cui seguiranno industrie tessili e di mobili e articoli casalinghi in legno, e bilancie e ultime le fonderie di leghe leggere (Liasa). Attività favorite dall’avvento della moderna civiltà dei trasporti su ferro e su gomma.

Ad Orago, sede di stazione ferroviaria e di casello autostradale si è evidenziata negli ultimi decenni  una forte vocazione industriale, mentre in Jerago è prevalsa quella residenziale.

All’archeologia industriale consegniamo : gli Uffici della ditta Rejna; le Casermette (mieten Kasermen); la Caserma; le ville del direttore e degli impiegati Rejna; la struttura verticale dell’officina di bilance di Ambrogio Macchi; il complesso della ditta Liasa (officina – uffici – residenza del direttore); i capannoni a shed della tessitura A. Carabelli; il complesso della Società Cooperativa di consumo; i capannoni della ditta Sessa, oggi Biganzoli.

Feste Patronali

JERAGO MADONNA DEL CARMINE  14 luglio

Orago  San Giovanni  26 giugno

Monumenti

Castello di Jerago 1400

Chiesa di San Giacomo XI sec

Campanile Romanico di San Giorgio Vecchia X sec

Chiesa di San Giorgio Vecchia in restauro conservativo sec. XV con partic X

Sopralzo del campanile Romanico Barocco XVII sec

Chiesa di San Rocco Jerago 1600

Edicola della Deposizione Affresco pittura lombarda

del XVII sec  ottima fattura influenze bustocche

Jerago via Garibaldi

Cappella funebre Bianchi (Tantardini dal neoclassico alla scapigliatura)

Jerago Via Rimembranze

Caserma e Casemette  Edilizia industriale fine 1800

Jerago via Dante

Edicola della Madonnina affresco popolare 1600

Jerago via G.Bianchi

Castello di Orago 1500

Scalonata Barocca di accesso al Castello di Orago 1700

Chiesa di S. Giovvani Battista XVii sec. aggiunta contemporanea

interno con archetto XIV sec

Statua di San Giuseppe Orago località Giambello sec XVIII

Colonna Monolitica Tardo Antica sec IV  inserita nella

cascina Marazzi  Orago via Kennedi 8

AMBIENTI NATURALISTICI

Bosco Inglese Parco 1700  Jerago località Castello

Mont Mouscon

Querceto inserito nel percorso vita località Mont Mouscon

Articoli in primo piano

Un viaggio a Firenze (agosto 1960)

Nella foto un ricordo di un viaggio organizzato dalla parrocchia di S. Giorgio in Jerago a Firenze, in Toscana e in Umbria nell’agosto del 1960.
La foto è stata scattata a Firenze il 19 agosto 1960
Articoli in primo piano

Prossima inaugurazione della Chiesa di San Giorgio (scritto nel 1999)

Si approssima il giorno della inaugurazione della Vecchia Chiesa di San Giorgio , penso con molta attesa degli jeraghesi, che vedono finalmente recuperato un edificio altrimenti pericoloso e fatiscente. Per molti anni avanti il 1987 in molti si erano chiesti perché non la si abbattesse. La concomitanza di eventi fortuiti prima e un rinnovato entusiasmo suscitato da don Angelo poi, hanno permesso di riappropriarci, restaurandolo, di un monumento che racchiude la storia stessa del nostro borgo. Si può far risalire l’origine del nostro essere cristiani alla predicazione dei missionari di S. Ambrogio, che diffondevano il messaggio cristiano presso le ville patronali dei notabili milanesi qui residenti . Anche se non si ha notizia di ville romane nella nostra zona, è altresì vero che materiale di reimpiego dal disfacimento di costruzioni romane è stato ritrovato negli elementi di costruzione della parte romanica della nostra chiesa. La possibilità che un monolite litico in arenaria ,rilevato ed evidenziato, non sia un sasso naturale, ma sia stato lavorato da mano umana per produrre un simbolo apotropaico o scaramantico con chiaro riferimento a culto pagano,  confermerebbe che questo luogo sacro cristiano si è insediato su di un precedente luogo sacro pagano. Cosa peraltro normale da accettarsi, perché il cristianesimo, offre a chi da sempre si interroga sul destino dell’uomo, l’autentico messaggio che solo Cristo, figlio di Dio può dare e i siti di ritualità pagana, divengono naturalmente i siti della vera spiritualità cristiana, quando la fede in Cristo si diffonde. Il messaggio cristiano dell’annuncio della resurrezione di Cristo si propaga nel mondo, muovendo da Gerusalemme, veicolato dalla potenza romana e favorito dall’opera unificatrice dell’impero di Augusto. Il cristiano non può accettare la divinità dell’imperatore romano, principio fondamentale in epoca augustea e funzionale alla unità  dell’impero stesso. Per tale motivo, grandi  imperatori come Diocleziano, saranno noti come persecutori di cristiani ritenuti causa della disgregazione dell’impero. Molti Martiri cristiani, cui verranno dedicate le prime chiese nascenti, si pensi alla dedicazione delle chiese dei paesi limitrofi,  furono non a caso, funzionari o soldati di questo imperatore che accettarono il martirio pur di non riconoscerne la divinità.  Quando poi il messaggio cristiano potrà essere testimoniato pubblicamente con  l’editto di Milano di Costantino, si noterà anche che unitamente al cristianesimo romano si diffonderà assai rapidamente l’arianesimo, eresia estremamente deleteria che negava la natura divina di Cristo e per questo motivo risultava congeniale alla corte imperiale e alla burocrazia. Castelseprio presenta contemporaneamente, in due siti diversi, il Battistero  Cristiano e il Battistero Ariano. L’imperatore  e la burocrazia, avevano accettato il Cristianesimo, ma  avevano sposato l’eresia di Ario più consona ad uno stato che aveva da sempre strumentalizzato qualsiasi fede. Queste nozioni, che mi sono permesso di ricordare, fanno parte di un bagaglio di conoscenza minima, per chi avesse avuto la ventura di studiare scolasticamente le vicende della storia antica. Quindi, o si è appassionati e si continua , altrimenti si abbandona. Quando però queste vicende  si possono leggere in ciò che ci circonda, nei monumenti  che vediamo quotidianamente, allora il discorso diviene più interessante e questo approccio, se fatto con passione, ci apre alla conoscenza ed all’amore per il nostro territorio, riunendoci a quegli avvenimenti più grandi che sono accaduti nei secoli.  Si badi però che questi studi, non si debbono limitare  campanilisticamente al nostro territorio, ma debbono essere integrati con le vicende delle zone limitrofe ed in particolare del Seprio. Quanta distruzione di testimonianze antiche, sarebbe stata evitata da un approccio attuale e vivo alla conoscenza del nostro territorio in senso lato. Infatti  si può distruggere ciò che si ignora, ma continuare ad ignorare ciò che si conosce e si dovrebbe tutelare, questo diventa colpevole. Vi sono due realtà stupende: Arsago Seprio e Castelseprio, ma quanti possono dire di conoscere queste vicende. Se pensiamo che per andare da Novara a Como la strada  antico-romana si snodava per moltissimi altri centri, fra cui il nostro, ci rendiamo conto di quanta storia è passata sulle nostre vie di comunicazione. Si parla di sentieri e di vie Francigene pensando agli Appennini ,alle Alpi ( verso Roma, o Santiago di Compostella) e non ci si accorge che Jerago era un punto di transito, come testimonia il portico della Chiesa di San Giacomo, dove il pellegrino poteva rifugiarsi, e non si nota la più  tarda Edicola della Madonnina, dove uno dei personaggi raffigurati porta la classica conchiglia del Pellegrino.

DSCN0441

Perché si deve continuare ad ignorare  che il nome di Pilatello, dato ad una nostra cascina è antichissimo essendo una volgarizzazione del Tardo latino di “pilastrellum “ ? Il pilastrello nella periodo altomedievale è il residuo del Miliare romano (cippo stradale) e su cui si posava un simulacro della Vergine Maria. Quando scompare il miliare, usato magari per spianare i campi a mo’ di rullo, il ricordo di tale denominazione rimane nel toponimo della cascina che si arricchirà anche, così come è avvenuto di un affresco mariano. Ignorare questo vuol dire accettare la cancellazione della memoria storica. Debbo all’amico Carlo Mastorgio  questa informazione , così come a lui debbo un invito, perché gli studi sulla nostra vicenda possano essere il più possibile seri, ma diffusi in modo semplice, perché tutti si possano appassionare ed imparino ad amare questo nostro ambiente. Carlo Mastorgio, mi ricordava anche, come fosse utile fermarsi a raccogliere con amore le testimonianze del nostro recente passato, per quanto piccolo sia: foto di inizio secolo dove riconoscere e dare un nome ai soggetti in posa, archiviare le foto datandole favorendo le ulteriori ricerche. L’archivio parrocchiale offre ad esempio la possibilità di questi studi ma anche molti archivi personali possono  andare distrutti e dispersi se non si offre un luogo dove versarli. Non è stato affascinante rivedere i nostri nonni in processione il giorno della inaugurazione della nuova chiesa di San Giorgio, rivedendoli nel documentario film che li ritraeva ? Ecco tutto questo noi potremmo studiare e riproporre, ma è necessario che si formi un gruppo di persone appassionate, che sappiano coltivare questa  testimonianza. Non sarà sicuramente un rimpatriata di “Laudatores temporis acti “ (osannatori del tempo che fu), ma di propugnatori di una convinzione  che: un popolo, senza memoria, rimane sempre bambino.

DSCN0444

DSCN0449

DSCN0445DSCN0448

Articoli in primo piano

Il Battistero di S. Giovanni in Arsago Seprio

foto di Francesco Carabelli

Il battistero di S.Giovanni di Arsago Seprio risale indicativamente al XII secolo ed è di costruzione contemporanea alla contigua Basilica di S.Vittore.

Esso appare all’esterno come un prisma a base ottagonale coperto da un tiburio a sedici lati e caratterizzato da archeggiature irregolari entro le quali sono presenti finestre a occhio, a croce o monofore con arco a tutto sesto. Nel profondo spessore del muro sono ricavate otto nicchie a pianta trapezoidale o rettangolare tranne quella rivolta ad est, semicircolare e sede dell’altare.

Per mezzo di due scale, nello spessore del muro, si sale alla galleria superiore, coperta da volte a crociera e affacciata sullo spazio centrale tramite una serie di grandi arcate.

La cupola è retta dal tamburo, interrotto da sedici aperture che hanno la duplice funzione di distribuire regolarmente la luce e di alleggerire la struttura.

WhatsApp Image 2022-03-25 at 09.12.15

Il complesso  monumentale romanico  composto dalla Basilica di San Vittore, dal suo Campanile e dal Battistero di San Giovanni  fanno di Arsago un autentico e non casuale gioiello di storia, di arte e di cristianità. La presenza contemporanea prima del VII secolo nelle nostre popolazioni  di culti pagani di ritorno, di vari sincretismi religiosi, e di eresie ariane rese necessaria  una profonda opera di missione tesa alla conversione e al recupero della autentica fede di osservanza romana. Nei luoghi più frequentati per commerci, per traffici, per motivi militari, dove le comunità erano più numerose, nacquero le prime chiese battesimali. Probabilmente sullo stesso luogo del primitivo battistero verrà ricostruito nel XII secolo quell’opera architettonica che noi oggi possiamo vedere e che si presta molto bene a una lettura simbolica tipica degli edifici medievali. Si evidenziano una porta a nord e una porta a sud e due piccole porte che portano al matroneo. L’aula veniva infatti usata nel periodo tra l’Epifania e il Sabato Santo per l’insegnamento ai Catecumeni.

 Essi vi accedevano sempre dalla porta di nord. Col rito della benedizione dell’acqua del Sabato Santo veniva impartito loro il battesimo per immersione nella vasca centrale. Diventati Cristiani si apriva finalmente la porta di sud da cui potevano uscire a simbolo dell’acquisita verità.

La tipicità del monumento romanico la si nota anche nel recupero di due are da preesistenti costruzioni romane e di fusti di colonna. Le aperture di illuminazione erano in origine coperte da tela cerata, detta “stamegna” in assenza di vetro. Nei fregi esterni non sono usati recuperi di mattoni.

Articoli in primo piano

Posa “Prima Pietra” Scuole Elementari Alessandro Manzoni a Jerago (1970 ca)

Il banchetto per il rinfresco. Nella foto si vedono il sindaco allora in carica Dott. Ing. Gaetano Bruni e gli ex sindaci Dott. Rag. Franco Carabelli e sig. Giovanni Biganzoli
Il palco con le autorità. Sullo sfondo la casa di proprietà dei fratelli Cardani, poi abbattuta per far posto alla scuola. I fratelli Carlo e Virginio Cardani donarono i terreni in cambio di un vitalizio presso una casa di riposo.

N.d.r. Per la cronologia corretta dei sindaci e dei fatti si consulti il libro di Anselmo Carabelli “Jerago con Orago. Un secolo con i suoi protagonisti”, Macchione editore, Varese 2008

Articoli in primo piano

Alcune autorità civili e religiose a Jerago in Auditorium in occasione di una cerimonia ad inizio anni ’70

Nella foto da sinistra a destra:

don Luigi Mauri – ex parroco di Jerago (1952-1987)

Ing. Vittorio Magistrali – ex sindaco di Jerago con Orago (1971-1974)

Ing. Gaetano Bruni – ex sindaco di Jerago con Orago (1964-1970)

Dott. Rag. Francesco Carabelli (detto Franco) – ex sindaco di Jerago con Orago (1956-1964 e 1970-1971)

 

Nella foto il sindaco allora in carica, Ing. Vittorio Magistrali, conferisce delle onorificenze.

Articoli in primo piano

Ciaciar – Chiacchiere

Ingredienti 400 gr di farina, 60 di zucchero, 2 uova,  50 gr di burro, 1 bicchierino di vino bianco, 1 bicchierino di grappa, zucchero a velo,   sale.  Si cuociono in olio di semi.

IMG_7685-scaled

fonte immagine: blog.giallozafferano.it

Fare una fontanella di farina sul tavolo mescolare con zucchero e sale q.b., al centro si mette il burro sciolto, spaccare le uova, bagnare con vino bianco e grappa, lavorare in modo che la pasta diventi elastica, se dura aggiungere acqua, se molle farina.  Quando la pasta è fatta si lascia riposare 10 minuti e la si stende con il mattarello sul piano del tavolo, dove prima si e sparso della farina. Si tira la pasta a uno spessore di 3 millimetri . Con la rotella si tagliano delle strisce di 3 cm x 10 e al centro si fa un taglio nel quale si inserirà un lembo a mo’ di cravatta. Per l’olio si fa come sopra.  Si mettono le chiacchiere nell’olio pronto e le si girano sui due lati per colorirle. Si tolgono si posano sul canovaccio ad asciugare e si infarinano di zucchero a velo.

Rifacendole altre volte si impareranno tutte le malizie e si potranno fare anche delle personalizzazioni.

Auguri e buon lavoro

Articoli in primo piano

TURTEI

Grazie all’aiuto della Signora Maria Rosa Bergo Alberio ecco la classica ricetta dei TURTEI:

Dosi: 3 etti di farina bianca, 3 uova intere, 3 cucchiai di zucchero, latte quanto basta,  1 Vanillina,  ½ bustina di lievito per dolci, sale, scorza di limone grattugiata.

In una terrina mescolare le uova con lo zucchero, aggiungere la farina e il latte quanto basta per amalgamare bene lasciando la pastella morbida, unire la vanillina, la scorza grattugiata di limone, il lievito e un pizzico di sale; mescolare e amalgamare con un cucchiaio di legno. A parte scaldare l’olio in una  pentola di bordo medio (l’olio sarà pronto quando un crostino di pane gettato in esso diverrà biondo), quindi mettere la pastella a cucchiaiate formando delle palline; si tolgono dalla padella quando sono brune, si mettono su una carta assorbente a scolare  e poi si cospargono di zucchero a velo.

7-febbraio-17-1200x565

fonte immagine: truciolidistoria.it

Articoli in primo piano

La nuova Chiesa di San Giorgio

fonte immagine: parrocchiasangiorgio.it

Tutto ebbe inizio il 21 settembre 1922 alle ore 20.00 al suono della campana maggiore, quando un centinaio di capi famiglia, in risposta alla convocazione del parroco Don Massimo Cervini, accettarono di sottoscrivere un piano di finanziamento per la costruzione della nuova chiesa Parrocchiale. I lavori procedettero alacremente grazie al sostegno ed alla generosità di tutti gli Jeraghesi tanto che il 23 aprile dell’anno successivo Mons. Claudio Nebuloni benedisse e pose la prima pietra della chiesa di San Giorgio Martire.

Le opere di costruzione proseguirono a ritmo serrato per gli anni successivi tanto che  per la fine di gennaio del  1927 furono terminati tutti i lavori di muratura e venne deciso  che la nuova chiesa avrebbe avuto la sua inaugurazione per la Festa della Madonna del Carmine, la terza domenica dello stesso anno . La  Provvidenza e la  tenacia del parroco unite agli sforzi di tutti i parrocchiani non disattesero all’appuntamento e il 17 luglio del 1927 alle 5,30 tra la commozione generale venne celebrata la prima Messa nella nuova chiesa. Dopo l’inaugurazione nel 1930 delle cappelle dedicate a S. Carlo e alla Madonna del Carmine finalmente la mattina del 14 settembre 1932 il Card. A. I. Schuster, in visita pastorale alla parrocchia, diede inizio alla lunga e suggestiva cerimonia di consacrazione. Gli anni a seguire furono impegnati per le decorazioni e la realizzazione dei grandi affreschi che ebbero termine l’8 giugno 1940; l’opera era completata ma la felicità durò poco poichè due giorni dopo l’Italia sarebbe entrata in guerra. In decenni di storia hanno percorso queste navate illustri rappresentanti della Chiesa ambrosiana  quali il beato Card. Schuster, il Card. Montini, diventato Papa Paolo VI, il Card. Colombo , il Card. Carlo Maria Martini, Mons. Mario Delpini e più modesti pastori; a loro va la nostra riconoscenza per aver permesso la costruzione, la conservazione e l’arricchimento della dimora del nostro Dio, per averla resa nel tempo dignitosa e degna della sua grandezza.  

Articoli in primo piano

Ceramica di Cristo Risorto- Battistero

foto di Francesco Carabelli

Testo a cura di don Remo Ciapparella tratto da “Camminiamo Insieme” – novembre 2020

FotoInaugurazioneBattistero4-1

Dono della Fondazione don Angelo Cassani a don Remo per aver sempre sostenuto e incoraggiato la loro esperienza di Comunione e di Chiesa.

Da quando don Remo è con noi, non ha mai mancato di apprezzare le iniziative promosse in memoria commovente della persona di don Angelo che si è immolato per la nostra Parrocchia di Jerago in anni grevi di difficoltà per motivi di salute e sociali.

Don Angelo veniva da Milano in serie condizioni di salute dopo esser stato aggredito dalle Brigate Rosse che gli hanno causato parecchi giorni di coma.

Un campione che Jerago ha sempre saputo apprezzare soprattutto negli ultimi anni, messo fuori condizione da una seria malattia che l’avrebbe condotto alla morte.

La ceramica, dopo anni di progettazione, va a decorare la parete spoglia del battistero. Da tempo avevamo in cuore di rendere importante l’antico fonte battesimale che ha donato alla chiesa locale generazione di cristiani.

IMG_1746

Continua a leggere