Alcuni proverbi inediti

Quand che l’om al va sota tèra la dona la végn bèla

[ alla morte del marito la moglie rifiorisce]

Un om sénza na dona l’e’ na ruina

na dona senza un omm l’e’ na regina

[ l’uomo senza donna e’ sbandato ,

la donna senza  marito una regina]

A teu mie’ sa pò pù turnà indré

[quando ci si sposa non si puo’ tornare sulle proprie decisioni]

Un om al sa cugnos in dul parla’

i campan in dul sunà

[un uomo lo conosci dalle parole

le campane le riconosci dal suono]

Se un omm l’é cot par na dona

ul pés a l’é cusinò cuma sa dév

[quando un uomo stravede per una ragazza

vuol dire che è pronto per il matrimonio]

Quel ca sa suména sa rageui

[si raccoglie secondo la semina]

Padàlin pìcul poca papa ghe’

[ piccola padella poca pappa]

La pàia tacò al feug la brüsa

[ la paglia vicino al fuoco brucia]

Spusa bagnò spusa furtünò

[se piove il giorno delle nozze tanta fortuna in più]

Chi ca laùra al gà na mica

Chi ca laùra nò al ga na dò 

[chi lavora ha un pane, chi non lavora ne ha du]

Pùtost che roba vanza, crépa‚ panza

[meglio una indigestione che avanzar pietanza]

L’ha séräsù ul stabièl, quand ghe scapò ul purscèl

[chiudere la stalla quando gli animali sono fuggiti]

Trà via ul sù pa a lüna

[non approfittare dei momenti giusti per lavorare]

Andà in stàla süi bal da pàia a scultà i panzànig

[in stalla seduti sul fieno a sentire le storie dei nonni]

Ciapà su ul barnàsc e purtà via a scéndra

[prendere il badiletto e portare la cenere sull’orto]

Chi tégn mia da cöeuunt da giuin, da vecc a slonga a man

[Chi non risparmia da giovane. da vecchio chiede la carità]

Quand ul sù al sa völta indre’, bèla giurnò ul dì adré

[rosso di sera bel tempo si spera]

Pan e nus mangià da spus, nus e pan mangià da can

[si fa un panino di salame, non un salamino con una fetta di pane

dentro]

Quand i nàsan in tüc bèi,

quand sa spùsan in tüc sciuri,

quand i meuran in tüc bon

[quando nascono sono tutti belli.

quando si sposano sono tutti ricchi,

quando muoiono sono tutti buoni.]

Te set nasù in dul térén dul cànuf

[spende troppo perché nato in una casa ricca ,terreno grasso

come quello dove si semina la canapa]

Tüc i ca’ in fai da sas, ugnüna la gà ul sò frecàs

[tutte le case hanno i loro problemi]

Cürà i gügiò par lasà andà i camisèi

[risparmiare piccoli pezzi di filo e non accorgersi che ti stanno

portando via gomitoli]

Rüd e dané in mai asé

[letame e soldi non sono mai abbastanza]

L’é fat me l’acua

[si dice cosi’ di persona insulsa]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...