Nustalgia di temp indrè – Nostalgia del tempo passato

Poesia della Sig.ra Tomasini di Crenna (Gallarate) apparsa su Un popolo in Cammino nella sezione dedicata al Centro culturale Cardinal Schuster e Carlo Mastorgio

Quand  ma vegn a nustalgia

Di bèi temp ch’in sgurä’ via

A ma string  na cumuzion

Fin a fam vegnì ul magon

Puesia scriù in dialèt

Parlà vecç, sincér e schièt

L’éa a lengua di nostar gent..

Sparia.. L’è pù ul so temp

Par n’ambizion da véss prufesur

mo parlum tucç a lengua di sciur

Ai nostrar fieu, fin da piscinitt,

Pal timur da pasà par asnitt,

Gh’em fai imprendi l’italiano

Pusè decurus.. dul popolano.

 

Démm un’ugiäda ai temp indré

Quand sa vivéa cunt poc dané,

Sa rispamiäva su cunt e spés

E  sugnävum  mila fränc al més !

Gh’éa unestà, amicizia e rispètt

Par n’aùt, sa fasevan in sétt

Bastäva na bèla stréncia da man

E fasevan l’afäri ul sciur el vilan !

La porta da cà.., niseun la seräva,

la ciäv in dul büs.., niseun la tucäva

rubavan dumà i gajn dal pulé,

parché in dul casét ean pocc i dané.

Gh’ea ul mulita, ul spazacamin,

l’umbrelat, ul stascée el sbianchin ;

ul baslutè cunt  a so’ mercanzia

cal däva la vus a tuta  la via.

Ul calzulär ch’al tacäva i tö’  tacc,

l’hom cul caret cal vendeva i saracc !

“ Oh donn!..donn!.., ghé  chi ul magnan !”

Al sa sentiva fin da luntan

Parieu e padéì ga sa purtāva

E peu lü par ben ai a stagnäva

Quando mi viene nostalgia

Dei bei tempi volati via

Mi prende una tale commozione

Da farmi venire il magone

 

Poesia scritta in dialetto

Parlare dei vecchi, sincero e schietto

 

Era la lingua delle nostre genti

Scomparsa.. Non è più il suo tempo

Per l’ambizione di sembrar professori

Ora tutti si parla la lingua dei signori

 

Ai nostri figli, già da piccolini

Per paura di passar per asini

Abbiamo fatto insegnare l’italiano

Più decoroso del vernacolo

 

Ma diamo un’occhiata a tempi trascorsi

Quando si viveva con pochi soldi

Si risparmiava su conti e spese

E sognavamo mille lire al mese

 

C’era onestà, amicizia e rispetto

Per un aiuto, ci si faceva in sette

Era sufficiente una bella stretta di mano

E facevano l’affare il ricco e il contadino

 

Nessuno serrava la porta di casa

Nessuno girava la chiave nella toppa

Rubavano solo le galline dal pollaio

Perchè  nel cassetto c’erano pochi soldi

 

C’era il molitta, lo spazzacamino,

l’ombrellaio,  straccivendolo e sbianchino;

il venditore di stoviglie con la mercanzia

che dava il suo richiamo a tutta la via

 

Il calzolaio che attaccava i tuoi tacchi,

l’omino col carretto che vendeva aringhe

“ oh donne oh donne c’è lo stagnino”

Lo si sentiva fin da lontano

 

Padelle e tegami gli si portava

E per bene lui poi stagnava

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...