Archivio dell'autore: weissewand

Madonna di Fatima

Un dipinto della Madonna di Fatima, in ricordo di un recente pellegrinaggio è stato realizzato dal sig. Gianfranco Battistella nel corso dell’anno 2016, su commissione della famiglia Lo Fiego/Cardani.

Il dipinto è stato posizionato all’esterno della casa della suddetta famiglia in via A. Manzoni a Jerago, nelle vicinanze delle Scuole elementari.

Il dipinto va così ad arricchire il tour delle cappelline sacre ed edicole votive, che all’inizio delle pubblicazioni di questo blog avevamo promosso.

Un ringraziamento al sig. Battistella e alla famiglia Lo Fiego/Cardani per questa iniziativa!

Storia d’una Pianta 

98974A02-5156-4308-9639-A2710ABDC93B

Pubblicato su Un popolo in cammino nell’autunno 2000 nella sezione dedicata al Centro culturale Cardinal Schuster e Carlo Mastorgio

Poesia di Paolo Pozzi

(Il testo è stato proposto da Luigi Cassani, la traduzione è di Anselmo  Carabelli)

Una pianta, una trav, un tocch da legn

E un névudin

L’era nassüa là, sura Cas’ciàgh,

da sòta da la costa da Velà

drè da la Tùur, da dua sa véed Masnàagh

‘na primavera da sett’cent ann fa.

L’era nassüa:

l’era staia furtünava.

‘Na castegna d’un risc spustàa dul véent

la sera quatà via in mezz al stramm,

a la metüu i radìs e in d’un muméent

l’ha mandà föra‘na fèrla cul primm ramm.

Ul löög a l’era giust, l’ha prutegiüva:

di cunili, di ghir, di murigiö,

e anca dopu quan’ l’era un pù cressüa,

l’ha tegnüü in dré i altar bésti e i cavriö.

Intant a passa ‘l temp e la ven granda,

quanta  storia ca passa sotta i ràmm!

E i so castégn, seccaa, i’a rincüravan

I nostar vècc, par töss via la famm.

Anca la föja la vegneva üsava

pa’i bèsti ,in di stall mèj  guvernàa.

E infìin  par tegn sü i viid pö duperavan

I so ramm püsée drizz  tucç béen peràa

A passan düsént’ ann: a l’hann tajava

E par tri ann a l’hann lassà a secà,

pö, hann tiràa fö’ un travuun e l ‘hann

/ muntava

cume puntuun, sül técç d’ra nosta Cà.

Una volta in sül tecç , da sota i còpp,

quanta gent ca l’ha vidüü passà!

Quanti stori bèi e brütt e quanti ropp

Cul so parlà l’avrèss podüü cüntà.

Gh’è passaa ann e guerr,gh’èpassaa i òmm

E gh’è giraa anca i padrun d’ra cà,

ma lee separa lì ferma: cume ‘l Dòmm

in mezz ai cambiament vidü da là.

 

Inscì, gh’è rivà ul nuvantadüü

E un dì hemm deciis,da mett a post la cà:

ma n’architett, ch’al saveva da pòcch,

l’ha faia tö dal tècc  e pö’ tajà !

 

Quand i ho vist m’è vegnü’ n culp m’è

/dispiasü’

e dul maguun pudeva pü’ parlà,

tücc quii tocch, puggià e a düü a düü,

tacca al camin urmai prunt da brusà.

 

Ma mi ho’spettàa, i’ho mia vurüü duprà.

I tocch du la traa vegia d’ra me cà:

ul légn, d’una pianta granda e forta,

ch’era nassüa ben sett’cent ann fa !

 

Pö’ in una nott fregia da dicembar,

a guardà i stell l’era quasi mezzanott,

cunt ul me nevudìin ho pizzà ‘l föögh

e in dul camin: n’ho buttà  düü tocch.

 

Ul föögh al s’è pizza.. e in dun muméent

I firapul a vüna , a dees , a ceent

A vugavan in valt, sempar pü sü

Par faag da strava al Bambinel Gesü

 

E ‘na firapula, quela pussee bèla,

föra in dul ciél  l’è diventava stela,

la s’è fermava pugiava sura ‘n pìin

perché gh’éra nassüü ‘l Gesü Bambin !

 

Adess la storia, che la par finiva,

la riva in fund con la so muraal:

I tocch ca m’è restaa tégni in cantina

E ‘n brüsi vün par nott ogni Nadàal

 

                           Paolo Pozzi

                         Dicembar 1995

 Storia di una pianta

Una pianta, una trave. Un pezzo di legno

E un nipotino

Era nata là, sopra Casciago,

sotto la costa di Velate,

dietro la Torre, di dove si vede Masnago

una primavera di settecento anni or sono.

Era nata:

era stata fortunata.

Una castagna da un riccio spostata dal vento

Coperta poi da uno strame di foglie

ha messo radici in pochissimo tempo

ha messo fuori un virgulto col primo stelo

Il luogo era  adatto e l’ ha protetta:

dai conigli, dai ghiri dai topolini,

e anche di poi, quando era un poco grande

ha tenuto lontane le altre bestie, i capretti

Intanto passa il tempo e diviene grande,

quanta storia passa sotto i suoi rami.

E le sue castagne, seccate, le custodivano

I nostri vecchi, per togliersi la fame.

Anche le foglie usavano

Per le bestie, nelle stalle meglio condotte.

E infine, per tenere in piedi le viti usavano

I rami più dritti tutti ben spellati.

Passano duecento anni: la tagliarono

E per tre anni la fecero asseccare

Poi ne hanno ricavato una gran trave e

l’ hanno montata

Come colmo, sul tetto della nostra Casa

Una volta posta sul tetto, sotto i coppi

Quanta gente ha visto passare!

Quante storie belle e brutte e quante cose

Col suo racconto avrebbe potuto narrare

Sono passati anni, guerre, passati uomini

Sono cambiati i proprietari della casa

Ma lei, sempre lì ferma: come il Duomo

Nel mezzo dei cambiamenti visti da lassù.

Così è arrivato il novantadue

E un giorno abbiamo deciso di riparare casa

Ma un architetto che sapeva di poco

L’ ha fatta levare dal tetto e tagliare

Quando l ’ho vista in pezzi  mi è preso un

colpo, mi è dispiaciuto

e dal magone non potevo più parlare,

tutti quei pezzi posati a due a due lì

presso il camino ormai pronti per il fuoco.

Ma ho aspettato, non li ho voluti usare.

I pezzi della trave vecchia della mia casa:

Legno di una pianta grande e forte,

che era nata ben settecento anni addietro!

Poi in una notte fredda di dicembre,os-

servando le stelle doveva essere mezzanotte,

col mio nipotino ho acceso il fuoco

e sul camino: ne ho buttati due pezzi.

Il fuoco ha preso forza.. e in  un attimo

Le faville  a una, a dieci a cento

Vagavano in alto sempre più su

Per fare da strada al Bambinello Gesù

E una favilla, quella più bella,

Fuori nel cielo  si è fatta stella

E si è fermata appoggiata ad un pino

Perché era nato Gesù Bambino !

Adesso la storia,  che par finita,

arriva in fondo con la sua morale

i pezzi rimasti li tengo in cantina

e ne brucio uno per notte ogni Natale

Paolo Pozzi

Dicembre 1995

Nustalgia di temp indrè – Nostalgia del tempo passato

Poesia della Sig.ra Tomasini di Crenna (Gallarate) apparsa su Un popolo in Cammino nella sezione dedicata al Centro culturale Cardinal Schuster e Carlo Mastorgio

Quand  ma vegn a nustalgia

Di bèi temp ch’in sgurä’ via

A ma string  na cumuzion

Fin a fam vegnì ul magon

Puesia scriù in dialèt

Parlà vecç, sincér e schièt

L’éa a lengua di nostar gent..

Sparia.. L’è pù ul so temp

Par n’ambizion da véss prufesur

mo parlum tucç a lengua di sciur

Ai nostrar fieu, fin da piscinitt,

Pal timur da pasà par asnitt,

Gh’em fai imprendi l’italiano

Pusè decurus.. dul popolano.

 

Démm un’ugiäda ai temp indré

Quand sa vivéa cunt poc dané,

Sa rispamiäva su cunt e spés

E  sugnävum  mila fränc al més !

Gh’éa unestà, amicizia e rispètt

Par n’aùt, sa fasevan in sétt

Bastäva na bèla stréncia da man

E fasevan l’afäri ul sciur el vilan !

La porta da cà.., niseun la seräva,

la ciäv in dul büs.., niseun la tucäva

rubavan dumà i gajn dal pulé,

parché in dul casét ean pocc i dané.

Gh’ea ul mulita, ul spazacamin,

l’umbrelat, ul stascée el sbianchin ;

ul baslutè cunt  a so’ mercanzia

cal däva la vus a tuta  la via.

Ul calzulär ch’al tacäva i tö’  tacc,

l’hom cul caret cal vendeva i saracc !

“ Oh donn!..donn!.., ghé  chi ul magnan !”

Al sa sentiva fin da luntan

Parieu e padéì ga sa purtāva

E peu lü par ben ai a stagnäva

Quando mi viene nostalgia

Dei bei tempi volati via

Mi prende una tale commozione

Da farmi venire il magone

 

Poesia scritta in dialetto

Parlare dei vecchi, sincero e schietto

 

Era la lingua delle nostre genti

Scomparsa.. Non è più il suo tempo

Per l’ambizione di sembrar professori

Ora tutti si parla la lingua dei signori

 

Ai nostri figli, già da piccolini

Per paura di passar per asini

Abbiamo fatto insegnare l’italiano

Più decoroso del vernacolo

 

Ma diamo un’occhiata a tempi trascorsi

Quando si viveva con pochi soldi

Si risparmiava su conti e spese

E sognavamo mille lire al mese

 

C’era onestà, amicizia e rispetto

Per un aiuto, ci si faceva in sette

Era sufficiente una bella stretta di mano

E facevano l’affare il ricco e il contadino

 

Nessuno serrava la porta di casa

Nessuno girava la chiave nella toppa

Rubavano solo le galline dal pollaio

Perchè  nel cassetto c’erano pochi soldi

 

C’era il molitta, lo spazzacamino,

l’ombrellaio,  straccivendolo e sbianchino;

il venditore di stoviglie con la mercanzia

che dava il suo richiamo a tutta la via

 

Il calzolaio che attaccava i tuoi tacchi,

l’omino col carretto che vendeva aringhe

“ oh donne oh donne c’è lo stagnino”

Lo si sentiva fin da lontano

 

Padelle e tegami gli si portava

E per bene lui poi stagnava

 

Foto funerale Don Massimo Cervini – Maggio 1945 -corteo funebre

La foto è stata scattata in via Cavour a Jerago – fianco la ex Manifattura di Crosio.
Indicato dalla freccia è riconoscibile all’interno dei componenti del corpo bandistico Santa Cecilia, il signor Attilio Pigni – primo clarinetto.
Il Signor Attilio Pigni è padre di Romano Pigni, già sagrestano presso il Duomo di Milano, che ringraziamo per averci fornito questa fotografia, ricordo personale di suo padre

Scheda di scavo della chiesa di S. Giorgio di Jerago

Pubblicato su Un Popolo in Cammino – Novembre 2005

Di seguito si pubblica il  fondamentale documento della Sovrintendenza Archeologica della Lombardia, col quale la Dottoressa Maria Adelaide Binaghi, dà notizia ufficiale dei ritrovamento dell’abside della vecchia chiesa di San Giorgio ed offre il supporto scientifico agli studi sulla romanicità della chiesa, precedentemente indicati. Purtroppo anche la Dottoressa Binaghi, cui va il nostro grato ricordo, è prematuramente scomparsa in un incidente di montagna nel mese di agosto dell’anno 2004.

Nel Notiziario della Sovraintendenza per i Beni Archeologici della Lombardia

(anno 1999-2000) è apparsa la:

pubblicazione della scheda di scavo della chiesa di S.Giorgio di Jerago, redatta dalla Dott.ssa  M. A. Binaghi.

 

Jerago con Orago (Va)

Chiesa di San Giorgio

Indagine archeologica

 

All’interno delle opere di ripristino e restauro finalizzate al recupero funzionale della dimessa chiesa parrocchiale dedicata a S. Giorgio, nel 1977 il controllo delle fasi di asportazione della vecchia pavimentazione interna, ha permesso di individuare le fondazioni murarie ed i relativi tratti pavimentali di un emiciclo absidale, relativo ad un precedente edificio di culto di più modeste dimensioni.

L’emiciclo, (diametro esterno 5,50; interno m.3,40) conteneva centralmente la base di un piccolo altare murario (m.0,77x 0,55) con esiguo vano interno, vuoto al momento del rinvenimento.

E’ possibile che la piccola chiesa sia ascrivibile ad età altomedievale ( sec VII-IX) e che preceda una sua ricostruzione ampliata d’età romanica, attestata oggi dal campanile e da alcuni tratti murari superstiti, inglobati nell’odierno terzo edificio cinque-seicentesco.

Sono stati recuperati numerosi lacerti di intonaco affrescato, stilisticamente assegnabili tra la fine del  XIV secolo, relativi ad una fase recente della chiesa romanica e spianati con le macerie a sottofondo del primo pavimento della terza chiesa di S. Giorgio.

Un secondo intervento archeologico è stato intrapreso nel 2000 all’interno della cappella battesimale, sita a nord della terza campata dell’ala attuale, in concomitanza alle opere di ripristino e rifacimento della pavimentazione.

L’indagine, pur non avendo potuto esaurire il deposito antropizzato giacente in situ, ha permesso tuttavia di documentare l’intera sequenza delle fasi di pavimentazione dell’edificio.

La fase più antica è relativa all’utilizzo dell’area cimiteriale aperta, ubicata nell’adiacenza N della chiesa, probabilmente utilizzata a partire dall’età medievale.

Ad un fase tardo medievale (sec XIV ) è ascrivibile l’impianto della cappella battesimale quadrangolare a nord  della  prima campata della chiesa romanica, con pavimentazione in lastre litiche ed al centro la base interrata del piedistallo della vasca battesimale sopraelevata. Nella prima metà del sec XV si ha la prima decorazione parietale interna (campiture a losanga in tecnica graffita), mentre si struttura un nuovo pavimento in limo e calce, il cui strato organico carbonioso ha restituito frammenti di lampada vitrea pensile.

La nuova decorazione interna, ad affresco, risulta coeva all’esecuzione della terza pavimentazione in malta coperta da sottile cocciopesto (prima metà del XVII) in seguito regolarizzata con successivi apporti finalizzati a mantenere la regolarità del piano, reso irregolare dai progressivi collassamenti causati verosimilmente dai vuoti delle sottostanti sepolture del cimitero medievale.

firmato

Maria Adelaide Binaghii  Leva

 

L’intervento è stato diretto da M. A. Binaghi  e curato da R. Mella Pariani – Società di Archeologia – Milano

 Nota di A Carabelli

 

Quanto sopra dà il suggello scientifico a tutto il lavoro di ricerche che ha permesso di segnalare già molto prima di queste indagini, seppur a livello ipotetico, quanto è poi stato verificato e confermato. Testimonianza  di ciò sono tutti gli articoli pubblicati prima della conferma di questa scheda. Lo scopo di quelle pubblicazioni  era quello di spiegare il motivo per il quale la parrocchia si stava impegnando in quel ripristino, aprendo una finestra sul periodo altomedievale, vissuto della nostra comunità parrocchiale.

La salvaguardia del campanile e della chiesa antica di San Giorgio rappresenta il più grande recupero della testimonianza della antica fede cristiana delle nostre genti e  sono  lieto per questa importante conferma della  lungimiranza di Don Angelo Cassani  che  di quegli interventi é stato fautore.

Un commosso ricordo va a Carlo Mastorgio , jeraghese studioso insigne della storia del Seprio, che, con la sua autorevolezza di esperto, per primo, durante le sue visite al cantiere per il restauro del campanile confermò, con meraviglia sua, le ipotesi di romanicità della struttura, riassumendole in un bellissimo articolo pubblicato sull’opuscolo di corredo alla inaugurazione.

(Non sfugga che l’opinione corrente al tempo era che il campanile fosse stato completamente ricostruito nel 1820 E. Cazzani).

Altrettanto commosso ricordo va alla dottoressa Maria Adelaide Binaghi, Sovraintendente archeologica della Lombardia, prematuramente scomparsa nell’agosto del 2004, che ha seguito sempre con vivo interesse e rigore scientifico gli studi archeologici sulla nostra chiesa, partecipando con grande disponibilità personale alla conferenza di inaugurazione dei lavori di restauro della chiesa di S. Giorgio.

Terra arte radici – allocuzione di Anselmo Carabelli – 21 aprile 2007

È motivo di intensa commozione per me aggiungere il mio contributo a questo tema di ”memoria e passione sulle tracce della nostra storia” dopo gli interventi della dott. sa Alpago Novello Ferrerio e del sig. Zaffaroni, che sì esemplarmente hanno contribuito nella pratica alla conservazione ed alla ricollocazione  scientifica di molte vestigia delle nostre origini.

Non a caso è in questa aula, che fu chiesa di San Giorgio che si tiene questo incontro di presentazione. Perché essa, così come voi potete osservare, tanto bella ed accogliente è la realizzazione di un sogno, il sogno di Don Angelo Cassani che volle, che dal rudere che ormai era diventata, questa chiesa tornasse a rivivere nel suo splendore, testimonianza evidente ed inequivocabile della fede cristiana delle popolazioni che ci hanno preceduto.  E fu proprio nel portare a compimento questa opera che si misurarono l’esperienza ed il contributo di tanti amici e studiosi tra  quali, alcuni seppur molto giovani non sono più tra noi. Ricordo con riconoscenza lo stesso Don Angelo mancato recentemente, cui va tutta  la nostra gratitudine per questa grande opera. Ricordo Carlo Mastorgio,  primo ad offrire un supporto scientifico al lavoro di recupero immenso che qui si stava svolgendo, autenticando la romanicità del campanile, che lui aveva riconosciuta attraverso gli elementi di reimpiego romani, da lui  rinvenuti e mappati ai diversi piani delle campiture del campanile. Carlo volle certificare in un suo scritto la retrodatazione al X  secolo di questo manufatto. E con  la sua autorevolezza potè tacitare tutti coloro, che rimproveravano severamente chi con il restauro aveva consentito di spendere soldi per recuperare un campanile che era ritenuto dai più integralmente ricostruito nel 1820. Ricordo di essere salito con Carlo Mastorgio e con Zaffaroni sulle impalcature che ci portavano a ridosso della volta. Mentre Carlo complimentandosi si rallegrava per quei lavori e per la lungimiranza di Don Angelo, ci ricordava con orrore di quando, era stata richiesta la sua opera per sollecitare dalla sovrintendenza il placet per l’abbattimento (naturalmente ottenendo un suo rifiuto alla collaborazione per tale ufficio) Mi avrebbero dato una medaglia al valore ci disse se solo ci fossi riuscito. Questa citazione ricordo per rammentare ai più giovani il clima di disprezzo,intorno agli anni sessanta, per tutto ciò che aveva il difetto di ricordaci il passato.

Ma non possiamo dimenticare l’opera della dottoressa Maria Adelaide Binaghi-Leva, Sovrintendente archeologica per la Lombardia cui si deve, la ricognizione archeologica su quelli che, accidentalmente rinvenuti, ma preconizzati sia da chi vi parla che da Mastorgio, verranno scientificamente riconosciuti come l’abside e l’altare della primitiva chiesa datata dal VII sec. Vestigia, che data la posizione, sotto il transetto attuale, dovevano appartenere alla chiesa originaria di San Giorgio, la cui dedicazione al santo guerriero doveva essere ben cara ai Longobardi,  presenti in Arsago, dalla cui pieve dipendeva Allierago prima del X Sec.

Cio´che mi preme evidenziare, è che da un intervento nascono tutta una serie di interessi che riescono a ravvivare la vivacità culturale di un popolo che indaga la propria storia. Domande alle quali possiamo portare debitamente guidati i nostri figli, i quali si accorgono di un passato che riemerge vivissimo per chi sappia leggere.

Materiale romano di reimpiego, persino simboli apotropaici pagani, tracce di una chiesa primitiva sicura testimonianza di una cristianizzazione di VI e VII sec che comunque ci fanno spingere a riconoscere lo stretto legame con Arsago e i suoi Monumenti Cristiani, con le tracce longobarde

La collaborazione tra diverse persone e tra diverse discipline ha aperto per il nostro paese una finestra sul periodo altomedievale, partendo da osservazioni che si focalizzano proprio in questa chiesa  ipotesi, non campate per aria, portano a fatti concreti. E poiché la storia di questi restauri e di queste attenzioni, non è un unicum, ma si potrebbe ripetere in realtà similari limitrofe.

Tengo famiglia

Mi capita assai spesso di incontrarmi, anzi direi di scontrarmi con persone che fanno piovere dall’alto la loro competenza o presunta tale e,  siccome poni delle domande semplici alle loro elucubrazioni, praticamente ti fanno capire che tu sei ormai di un’epoca superata. Che si certe cose anche se sostanzialmente giuste, andavano bene una volta ma oggi e´ necessario aggiornarsi.

Allora mi sono chiesto sarà pur vero che sono maturato, meglio invecchiato, ma hanno poi ragione queste persone, che peraltro mi sembrano altrimenti ragionevoli e dotate di una intelligenza media così come tutti ne siamo dotati.

Per rendere esplicito il titolo, tengo famiglia è il motto di chi, pur non comportandosi in modo lineare coi principi che professa o che in altri momenti ti ha espresso, deve scendere a patti con la necessità di guadagnare (non son per altri un manzoniano che tiri quattro paghe per il lesso), appunto perché la famiglia possa permettersi i lussi che lo status del capofamiglia non consentirebbe concedersi.

Vorrei utilizzare uno degli argomenti  che quando ero studente il mio professore di storia  e poi di sociologia  utilizzavano per spiegare il motivo della  fossilizzazione  di alcune società rispetto ad altre nella fattispecie, la società cinese. Essi attribuivano la responsabilità di questa arretratezza  al modo di esprimersi grafico, l’alfabeto. In sostanza una società che si esprime in ideogrammi, cioè simboli, facilmente riserva la comprensione di uno stock di essi  a  un numero sempre più limitato di persone, creando una stratificazione sociale in classi che non sono permeabili fra loro, perché divise dalla comprensione del linguaggio scritto, dove addirittura si inibisce alle classi basse la comprensione del simbolo grafico della classe superiore).

Diverso è il mondo moderno, direi occidentale alla cui base sta un alfabeto, il quale appreso permette la espressione di ogni pensiero, e quindi è aperto a tutti coloro che  lo conoscano senza distinzione di classe. Ecco perché l’unica distinzione sarà rappresentata dalla istruzione o alfabetizzazione.

Vi è pero nella società attuale il tentativo di arroccarsi emarginando i non addetti ai lavori, attraverso l’uso del linguaggio burocratico e del linguaggio tecnico, il quale se è vero non possa venir meno ai suoi concetti basilari che ne costituiscono la tecnica, le  cosiddette istituzioni, è altrettanto vero che non deve farsi estraneo alla comune comprensione. Perché altrimenti diventa un linguaggio per pochi intimi. E questo va bene quando le discipline divengono scienze, ma va meno bene quando esso pretende di rivolgersi a tutti  e vuole fare della tecnica una scienza. Queste sono le discipline economiche che, per quanto, interessano tutti coloro che sono produttori in questo paese.. Oggi la lettura di un bilancio, di per sé cosa semplice, diviene una tale complessità per addetti, dove anche una situazione insostenibile e di collasso, viene celata sotto i commenti di addetti ai lavori i quali appunto tengono famiglia ed hanno imparato perciò a  prostituire la loro capacità analitica alla parcelle, immemori del popolare detto che il medico pietoso fa la piaga purulenta. Ma forse lo stesso mi piacerebbe applicarlo alle prediche di alcuni sacerdoti, che anche se non tengono famiglia, usano termini così lontani dal comune sentire, che così facendo, mentre credono di essere veramente profondi, altro non fanno che esercitare le doti di pazienza dei fedeli.

In morte di Luigi Turri, membro del comitato di San Rocco

F86DA752-BC8C-4AF0-B15A-E54F01CB69A3

(testo letto da Domenico Lo Fiego alla fine della messa esequiale 8/8/2017)

Caro Gigi, nelle occasioni in cui  si parlava dei tempi trascorsi, ricordavi sempre, come i nostri vecchi al lavoro nei campi, quando  suonava l’ Ave Maria di mezzogiorno, si scoprivano il capo e chinandolo si rivolgevano al crocifisso del Campanile recitando una preghiera.

Ecco anche oggi, al passaggio del tuo corteo funebre dall’amata chiesa di San Rocco, uno del gruppo suonerà per te quella campana del piccolo campanile, che sempre saluta chi di noi, al compimento della vita terrena, raggiunge il Campo Santo.  Rintocchi di preghiera al Signore in tuo suffragio e ringraziamento per tutte le preziose energie versate nelle iniziative che, sempre in sintonia coi Parroci di san Giorgio, tengono viva la nostra chiesa di San Rocco.

Ti ricorderemo, sempre presente alla messa del lunedì, come hai fatto con estrema sofferenza anche in questi ultimi tempi, assiduo ai rosari, al triduo per la festa del Santo. Grazie per il tuo prezioso contributo nell’opera di manutenzione ed  alla convivialità che ha sempre fatto seguito alle feste religiose.

La tua testimonianza sarà per noi prezioso insegnamento.

In occasione del primo lustro della scomparsa del nostro caro amico Gigi, vorremmo proporre alla amministrazione comunale del comune di Jerago con Orago di dedicare il parco fronte Piazza Mercato alla memoria di Gigi Turri, parco che deve a lui la piantumazione del grande abete che si trova all’entrata, da lui regalato al Comune di Jerago Con Orago negli anni in cui fu presidente della locale Pro Loco.

Nuovo quadro della Madonna di Medjugorje

foto di Gianfranco Battistella

Da qualche mese un altro quadro mariano abbellisce le vie del nostro paese.

Ancora una volta il pittore Gianfranco Battistella ha realizzato un’opera artistica con soggetto mariano, che arricchisce il novero di edicole sparse per le vie di Jerago.

Questa volta il soggetto è la Madonna di Medjugorje. Nell’affresco trovano spazio anche il richiamo alla Chiesa di San Giorgio in Jerago (in basso a sinistra) e alla Chiesa di San Giacomo della cittadina dell’Erzegovina (in basso a destra).

L’affresco è posto ad inizio di via Giulio Bianchi sull’angolo con Piazza Mazzini, sui muri del Panificio Mastorgio.

Il dipinto è nato appunto grazie all’iniziativa della famiglia Mastorgio che lo ha commissionato al pittore jeraghese Gianfranco Battistella, già autore di molti affreschi mariani a Jerago con Orago.

Ringraziamo la famiglia Mastorgio e il sig. Battistella per questo bel dono alla comunità!

ul Campanin Rumanic da San Giörg

foto di Francesco Carabelli

In dul an dul Nost Signur          

milneuvcéntnuvanta e vun  

sin mitù a suna’ anca lur      

i campan da sto Cumun              

I sentivum pù canta’     

i fasévan pù ” din don ”           

vidéi gio’ in mèza al prà       

l’éra na désulazion                

An  duü tirai giò inséma            

parché éan périculus                

Don Lüis gavéa un patéma            

a vidéi li’ sanza vus              

Ma pérò la züca düra                

dul Don Angiul e d’Jéraghés        

una  Tur da gran fatüra            

han ridài a sto paés               

“Bèla roba! và sai fan!”            

a diséa cèrta gént                 

“sa peu viv senza campan!!!        

i duarian fa un bèl niént”         

“Sto marsciön d’un campanin!       

a lé tut da büta’ gio’…          

a lüstral cume un füsil            

in invece dré anca mò”              

Par furtüna che ai bàban                 

quèi balos g’han dài mia trà        

al Cüräd gh’han dài na man            

ghé andài inanzii i laurà            

Però adès che hann vidù’

ca ghèm chi na méraviglia    

i cipisan quasi pù      

ghé cambiäda la quadriglia”

Cunt un mücc da vulunta’             

tanta bona e brava gént

han scuprì na rarita’

a partì quäsi da niént!                                                   

Mo che ul campanin l’é li’

drizz in tüt ul so spléndur

végh un monumént inscì

lé par tüc un grand unur

n’han parlò fin süi giurnäi

tant le’ vec e tant l’è bèl

fa na copia écéziunäl

mitù inséma al nost Castèl

Finalmént quand ghé na fésta

quand g’avèm d’andà in gésa

o a na cérimonia mèsta

quand na copia la sa spusa.

séntirém sunà a distésa

opür trista na campana.

la ga ciamarà a surprésa

fin che Dio al ga mét a nana.

Poesia scritta da Cesare Ferioli in occasione del restauro del campanile di San Giorgio in Jerago nel 1991 (versione tratta da Anselmo Carabelli con Enrico Riganti, Le ricette della nonna. Cucina, usi espressioni, attività, feste religiose nella vita di un borgo dell’alto milanese tra il 1800 e il 1940, Collana Galerate, Tipografia Moderna, Gallarate, 2000)