Archivi categoria: Note di colore

Storia d’una Pianta 

98974A02-5156-4308-9639-A2710ABDC93B

Pubblicato su Un popolo in cammino nell’autunno 2000 nella sezione dedicata al Centro culturale Cardinal Schuster e Carlo Mastorgio

Poesia di Paolo Pozzi

(Il testo è stato proposto da Luigi Cassani, la traduzione è di Anselmo  Carabelli)

Una pianta, una trav, un tocch da legn

E un névudin

L’era nassüa là, sura Cas’ciàgh,

da sòta da la costa da Velà

drè da la Tùur, da dua sa véed Masnàagh

‘na primavera da sett’cent ann fa.

L’era nassüa:

l’era staia furtünava.

‘Na castegna d’un risc spustàa dul véent

la sera quatà via in mezz al stramm,

a la metüu i radìs e in d’un muméent

l’ha mandà föra‘na fèrla cul primm ramm.

Ul löög a l’era giust, l’ha prutegiüva:

di cunili, di ghir, di murigiö,

e anca dopu quan’ l’era un pù cressüa,

l’ha tegnüü in dré i altar bésti e i cavriö.

Intant a passa ‘l temp e la ven granda,

quanta  storia ca passa sotta i ràmm!

E i so castégn, seccaa, i’a rincüravan

I nostar vècc, par töss via la famm.

Anca la föja la vegneva üsava

pa’i bèsti ,in di stall mèj  guvernàa.

E infìin  par tegn sü i viid pö duperavan

I so ramm püsée drizz  tucç béen peràa

A passan düsént’ ann: a l’hann tajava

E par tri ann a l’hann lassà a secà,

pö, hann tiràa fö’ un travuun e l ‘hann

/ muntava

cume puntuun, sül técç d’ra nosta Cà.

Una volta in sül tecç , da sota i còpp,

quanta gent ca l’ha vidüü passà!

Quanti stori bèi e brütt e quanti ropp

Cul so parlà l’avrèss podüü cüntà.

Gh’è passaa ann e guerr,gh’èpassaa i òmm

E gh’è giraa anca i padrun d’ra cà,

ma lee separa lì ferma: cume ‘l Dòmm

in mezz ai cambiament vidü da là.

 

Inscì, gh’è rivà ul nuvantadüü

E un dì hemm deciis,da mett a post la cà:

ma n’architett, ch’al saveva da pòcch,

l’ha faia tö dal tècc  e pö’ tajà !

 

Quand i ho vist m’è vegnü’ n culp m’è

/dispiasü’

e dul maguun pudeva pü’ parlà,

tücc quii tocch, puggià e a düü a düü,

tacca al camin urmai prunt da brusà.

 

Ma mi ho’spettàa, i’ho mia vurüü duprà.

I tocch du la traa vegia d’ra me cà:

ul légn, d’una pianta granda e forta,

ch’era nassüa ben sett’cent ann fa !

 

Pö’ in una nott fregia da dicembar,

a guardà i stell l’era quasi mezzanott,

cunt ul me nevudìin ho pizzà ‘l föögh

e in dul camin: n’ho buttà  düü tocch.

 

Ul föögh al s’è pizza.. e in dun muméent

I firapul a vüna , a dees , a ceent

A vugavan in valt, sempar pü sü

Par faag da strava al Bambinel Gesü

 

E ‘na firapula, quela pussee bèla,

föra in dul ciél  l’è diventava stela,

la s’è fermava pugiava sura ‘n pìin

perché gh’éra nassüü ‘l Gesü Bambin !

 

Adess la storia, che la par finiva,

la riva in fund con la so muraal:

I tocch ca m’è restaa tégni in cantina

E ‘n brüsi vün par nott ogni Nadàal

 

                           Paolo Pozzi

                         Dicembar 1995

 Storia di una pianta

Una pianta, una trave. Un pezzo di legno

E un nipotino

Era nata là, sopra Casciago,

sotto la costa di Velate,

dietro la Torre, di dove si vede Masnago

una primavera di settecento anni or sono.

Era nata:

era stata fortunata.

Una castagna da un riccio spostata dal vento

Coperta poi da uno strame di foglie

ha messo radici in pochissimo tempo

ha messo fuori un virgulto col primo stelo

Il luogo era  adatto e l’ ha protetta:

dai conigli, dai ghiri dai topolini,

e anche di poi, quando era un poco grande

ha tenuto lontane le altre bestie, i capretti

Intanto passa il tempo e diviene grande,

quanta storia passa sotto i suoi rami.

E le sue castagne, seccate, le custodivano

I nostri vecchi, per togliersi la fame.

Anche le foglie usavano

Per le bestie, nelle stalle meglio condotte.

E infine, per tenere in piedi le viti usavano

I rami più dritti tutti ben spellati.

Passano duecento anni: la tagliarono

E per tre anni la fecero asseccare

Poi ne hanno ricavato una gran trave e

l’ hanno montata

Come colmo, sul tetto della nostra Casa

Una volta posta sul tetto, sotto i coppi

Quanta gente ha visto passare!

Quante storie belle e brutte e quante cose

Col suo racconto avrebbe potuto narrare

Sono passati anni, guerre, passati uomini

Sono cambiati i proprietari della casa

Ma lei, sempre lì ferma: come il Duomo

Nel mezzo dei cambiamenti visti da lassù.

Così è arrivato il novantadue

E un giorno abbiamo deciso di riparare casa

Ma un architetto che sapeva di poco

L’ ha fatta levare dal tetto e tagliare

Quando l ’ho vista in pezzi  mi è preso un

colpo, mi è dispiaciuto

e dal magone non potevo più parlare,

tutti quei pezzi posati a due a due lì

presso il camino ormai pronti per il fuoco.

Ma ho aspettato, non li ho voluti usare.

I pezzi della trave vecchia della mia casa:

Legno di una pianta grande e forte,

che era nata ben settecento anni addietro!

Poi in una notte fredda di dicembre,os-

servando le stelle doveva essere mezzanotte,

col mio nipotino ho acceso il fuoco

e sul camino: ne ho buttati due pezzi.

Il fuoco ha preso forza.. e in  un attimo

Le faville  a una, a dieci a cento

Vagavano in alto sempre più su

Per fare da strada al Bambinello Gesù

E una favilla, quella più bella,

Fuori nel cielo  si è fatta stella

E si è fermata appoggiata ad un pino

Perché era nato Gesù Bambino !

Adesso la storia,  che par finita,

arriva in fondo con la sua morale

i pezzi rimasti li tengo in cantina

e ne brucio uno per notte ogni Natale

Paolo Pozzi

Dicembre 1995

Nustalgia di temp indrè – Nostalgia del tempo passato

Poesia della Sig.ra Tomasini di Crenna (Gallarate) apparsa su Un popolo in Cammino nella sezione dedicata al Centro culturale Cardinal Schuster e Carlo Mastorgio

Quand  ma vegn a nustalgia

Di bèi temp ch’in sgurä’ via

A ma string  na cumuzion

Fin a fam vegnì ul magon

Puesia scriù in dialèt

Parlà vecç, sincér e schièt

L’éa a lengua di nostar gent..

Sparia.. L’è pù ul so temp

Par n’ambizion da véss prufesur

mo parlum tucç a lengua di sciur

Ai nostrar fieu, fin da piscinitt,

Pal timur da pasà par asnitt,

Gh’em fai imprendi l’italiano

Pusè decurus.. dul popolano.

 

Démm un’ugiäda ai temp indré

Quand sa vivéa cunt poc dané,

Sa rispamiäva su cunt e spés

E  sugnävum  mila fränc al més !

Gh’éa unestà, amicizia e rispètt

Par n’aùt, sa fasevan in sétt

Bastäva na bèla stréncia da man

E fasevan l’afäri ul sciur el vilan !

La porta da cà.., niseun la seräva,

la ciäv in dul büs.., niseun la tucäva

rubavan dumà i gajn dal pulé,

parché in dul casét ean pocc i dané.

Gh’ea ul mulita, ul spazacamin,

l’umbrelat, ul stascée el sbianchin ;

ul baslutè cunt  a so’ mercanzia

cal däva la vus a tuta  la via.

Ul calzulär ch’al tacäva i tö’  tacc,

l’hom cul caret cal vendeva i saracc !

“ Oh donn!..donn!.., ghé  chi ul magnan !”

Al sa sentiva fin da luntan

Parieu e padéì ga sa purtāva

E peu lü par ben ai a stagnäva

Quando mi viene nostalgia

Dei bei tempi volati via

Mi prende una tale commozione

Da farmi venire il magone

 

Poesia scritta in dialetto

Parlare dei vecchi, sincero e schietto

 

Era la lingua delle nostre genti

Scomparsa.. Non è più il suo tempo

Per l’ambizione di sembrar professori

Ora tutti si parla la lingua dei signori

 

Ai nostri figli, già da piccolini

Per paura di passar per asini

Abbiamo fatto insegnare l’italiano

Più decoroso del vernacolo

 

Ma diamo un’occhiata a tempi trascorsi

Quando si viveva con pochi soldi

Si risparmiava su conti e spese

E sognavamo mille lire al mese

 

C’era onestà, amicizia e rispetto

Per un aiuto, ci si faceva in sette

Era sufficiente una bella stretta di mano

E facevano l’affare il ricco e il contadino

 

Nessuno serrava la porta di casa

Nessuno girava la chiave nella toppa

Rubavano solo le galline dal pollaio

Perchè  nel cassetto c’erano pochi soldi

 

C’era il molitta, lo spazzacamino,

l’ombrellaio,  straccivendolo e sbianchino;

il venditore di stoviglie con la mercanzia

che dava il suo richiamo a tutta la via

 

Il calzolaio che attaccava i tuoi tacchi,

l’omino col carretto che vendeva aringhe

“ oh donne oh donne c’è lo stagnino”

Lo si sentiva fin da lontano

 

Padelle e tegami gli si portava

E per bene lui poi stagnava

 

Tengo famiglia

Mi capita assai spesso di incontrarmi, anzi direi di scontrarmi con persone che fanno piovere dall’alto la loro competenza o presunta tale e,  siccome poni delle domande semplici alle loro elucubrazioni, praticamente ti fanno capire che tu sei ormai di un’epoca superata. Che si certe cose anche se sostanzialmente giuste, andavano bene una volta ma oggi e´ necessario aggiornarsi.

Allora mi sono chiesto sarà pur vero che sono maturato, meglio invecchiato, ma hanno poi ragione queste persone, che peraltro mi sembrano altrimenti ragionevoli e dotate di una intelligenza media così come tutti ne siamo dotati.

Per rendere esplicito il titolo, tengo famiglia è il motto di chi, pur non comportandosi in modo lineare coi principi che professa o che in altri momenti ti ha espresso, deve scendere a patti con la necessità di guadagnare (non son per altri un manzoniano che tiri quattro paghe per il lesso), appunto perché la famiglia possa permettersi i lussi che lo status del capofamiglia non consentirebbe concedersi.

Vorrei utilizzare uno degli argomenti  che quando ero studente il mio professore di storia  e poi di sociologia  utilizzavano per spiegare il motivo della  fossilizzazione  di alcune società rispetto ad altre nella fattispecie, la società cinese. Essi attribuivano la responsabilità di questa arretratezza  al modo di esprimersi grafico, l’alfabeto. In sostanza una società che si esprime in ideogrammi, cioè simboli, facilmente riserva la comprensione di uno stock di essi  a  un numero sempre più limitato di persone, creando una stratificazione sociale in classi che non sono permeabili fra loro, perché divise dalla comprensione del linguaggio scritto, dove addirittura si inibisce alle classi basse la comprensione del simbolo grafico della classe superiore).

Diverso è il mondo moderno, direi occidentale alla cui base sta un alfabeto, il quale appreso permette la espressione di ogni pensiero, e quindi è aperto a tutti coloro che  lo conoscano senza distinzione di classe. Ecco perché l’unica distinzione sarà rappresentata dalla istruzione o alfabetizzazione.

Vi è pero nella società attuale il tentativo di arroccarsi emarginando i non addetti ai lavori, attraverso l’uso del linguaggio burocratico e del linguaggio tecnico, il quale se è vero non possa venir meno ai suoi concetti basilari che ne costituiscono la tecnica, le  cosiddette istituzioni, è altrettanto vero che non deve farsi estraneo alla comune comprensione. Perché altrimenti diventa un linguaggio per pochi intimi. E questo va bene quando le discipline divengono scienze, ma va meno bene quando esso pretende di rivolgersi a tutti  e vuole fare della tecnica una scienza. Queste sono le discipline economiche che, per quanto, interessano tutti coloro che sono produttori in questo paese.. Oggi la lettura di un bilancio, di per sé cosa semplice, diviene una tale complessità per addetti, dove anche una situazione insostenibile e di collasso, viene celata sotto i commenti di addetti ai lavori i quali appunto tengono famiglia ed hanno imparato perciò a  prostituire la loro capacità analitica alla parcelle, immemori del popolare detto che il medico pietoso fa la piaga purulenta. Ma forse lo stesso mi piacerebbe applicarlo alle prediche di alcuni sacerdoti, che anche se non tengono famiglia, usano termini così lontani dal comune sentire, che così facendo, mentre credono di essere veramente profondi, altro non fanno che esercitare le doti di pazienza dei fedeli.

ul Campanin Rumanic da San Giörg

foto di Francesco Carabelli

In dul an dul Nost Signur          

milneuvcéntnuvanta e vun  

sin mitù a suna’ anca lur      

i campan da sto Cumun              

I sentivum pù canta’     

i fasévan pù ” din don ”           

vidéi gio’ in mèza al prà       

l’éra na désulazion                

An  duü tirai giò inséma            

parché éan périculus                

Don Lüis gavéa un patéma            

a vidéi li’ sanza vus              

Ma pérò la züca düra                

dul Don Angiul e d’Jéraghés        

una  Tur da gran fatüra            

han ridài a sto paés               

“Bèla roba! và sai fan!”            

a diséa cèrta gént                 

“sa peu viv senza campan!!!        

i duarian fa un bèl niént”         

“Sto marsciön d’un campanin!       

a lé tut da büta’ gio’…          

a lüstral cume un füsil            

in invece dré anca mò”              

Par furtüna che ai bàban                 

quèi balos g’han dài mia trà        

al Cüräd gh’han dài na man            

ghé andài inanzii i laurà            

Però adès che hann vidù’

ca ghèm chi na méraviglia    

i cipisan quasi pù      

ghé cambiäda la quadriglia”

Cunt un mücc da vulunta’             

tanta bona e brava gént

han scuprì na rarita’

a partì quäsi da niént!                                                   

Mo che ul campanin l’é li’

drizz in tüt ul so spléndur

végh un monumént inscì

lé par tüc un grand unur

n’han parlò fin süi giurnäi

tant le’ vec e tant l’è bèl

fa na copia écéziunäl

mitù inséma al nost Castèl

Finalmént quand ghé na fésta

quand g’avèm d’andà in gésa

o a na cérimonia mèsta

quand na copia la sa spusa.

séntirém sunà a distésa

opür trista na campana.

la ga ciamarà a surprésa

fin che Dio al ga mét a nana.

Poesia scritta da Cesare Ferioli in occasione del restauro del campanile di San Giorgio in Jerago nel 1991 (versione tratta da Anselmo Carabelli con Enrico Riganti, Le ricette della nonna. Cucina, usi espressioni, attività, feste religiose nella vita di un borgo dell’alto milanese tra il 1800 e il 1940, Collana Galerate, Tipografia Moderna, Gallarate, 2000)

Ciaciar – Chiacchiere

Ingredienti 400 gr di farina, 60 di zucchero, 2 uova,  50 gr di burro, 1 bicchierino di vino bianco, 1 bicchierino di grappa, zucchero a velo,   sale.  Si cuociono in olio di semi.

IMG_7685-scaled

fonte immagine: blog.giallozafferano.it

Fare una fontanella di farina sul tavolo mescolare con zucchero e sale q.b., al centro si mette il burro sciolto, spaccare le uova, bagnare con vino bianco e grappa, lavorare in modo che la pasta diventi elastica, se dura aggiungere acqua, se molle farina.  Quando la pasta è fatta si lascia riposare 10 minuti e la si stende con il mattarello sul piano del tavolo, dove prima si e sparso della farina. Si tira la pasta a uno spessore di 3 millimetri . Con la rotella si tagliano delle strisce di 3 cm x 10 e al centro si fa un taglio nel quale si inserirà un lembo a mo’ di cravatta. Per l’olio si fa come sopra.  Si mettono le chiacchiere nell’olio pronto e le si girano sui due lati per colorirle. Si tolgono si posano sul canovaccio ad asciugare e si infarinano di zucchero a velo.

Rifacendole altre volte si impareranno tutte le malizie e si potranno fare anche delle personalizzazioni.

Auguri e buon lavoro

TURTEI

Grazie all’aiuto della Signora Maria Rosa Bergo Alberio ecco la classica ricetta dei TURTEI:

Dosi: 3 etti di farina bianca, 3 uova intere, 3 cucchiai di zucchero, latte quanto basta,  1 Vanillina,  ½ bustina di lievito per dolci, sale, scorza di limone grattugiata.

In una terrina mescolare le uova con lo zucchero, aggiungere la farina e il latte quanto basta per amalgamare bene lasciando la pastella morbida, unire la vanillina, la scorza grattugiata di limone, il lievito e un pizzico di sale; mescolare e amalgamare con un cucchiaio di legno. A parte scaldare l’olio in una  pentola di bordo medio (l’olio sarà pronto quando un crostino di pane gettato in esso diverrà biondo), quindi mettere la pastella a cucchiaiate formando delle palline; si tolgono dalla padella quando sono brune, si mettono su una carta assorbente a scolare  e poi si cospargono di zucchero a velo.

7-febbraio-17-1200x565

fonte immagine: truciolidistoria.it

Il carnevale e le tradizioni della nostra cucina

La settimana grassa, così veniva chiamata la settimana di carnevale, precede la Quaresima, cioe’ il periodo di penitenza in preparazione al grande giorno della Resurrezione di Cristo. Poiche’ in periodi di stretta osservanza si era giunti alla astinenza totale sia dalle carni che dalle Uova,  era quasi doveroso che in questa settimana ci si sfogasse anche in cucina con la preparazione di piatti molto succulenti. Sicuramente ipercalorici dovevano essere i Salamitt cott, ul Suprafin cui lenticc, a pulenta e bruscitt, la Buseca, la Cazeula, i gnocc  da patati cundì cul grass da rost  e per il venerdi A Pirturina da Merluzz.

Tutti cibi robusti, piatti unici che se ingollati in una settimana meglio avrebbero consentito la penitenza successiva.  Una particolare attenzione meritano le uova. Abbiamo notato che nel periodo medioevale anche le uova erano considerate di grasso,  perchè prodotte da animali. Di conseguenza bisognava usarle tutte per il carnevale. Le altre poi, quelle deposte dopo potevano essere usate solo a San Giuseppe o a Pasqua.  Gli anziani ricorderanno che il giorno di Venerdì Santo si usava deporre ai piedi del Crocifisso in una apposita cesta proprio alcune uova, delle quali la casa di un contadino medioevale, dato il divieto di usarle doveva abbondare in quaresima. Infatti se ben si riflette perchè ancora oggi a Pasqua si  regalerebbero uova di cioccolata? Il senso pratico delle nostre massaie si era dunque sbizzarrito nel trovare mille modi per utilizzare le uova.

E saranno i Famosi TURTEI e i Ciaciar, che da noi a Jerago si chiamano anche i Ciaciar di Monig a rallegrare queste feste. Oggi si va in pasticceria, e più comodo e soprattutto si evita di impregnare la casa di quel fastidioso e greve odore di olio fritto. Qualche anno fa invece, era proprio quell’odore, che diffondendosi nelle vie ricordava la festa anche ai più distratti. Perche Ciacar di Monig. letteralmente chiacchiere delle Monache, niente di irriverente verso le nostre brave Suore, ma solo il ricordo della loro ineguagliata maestria nel confezionare quei dolci, offerti poi alle ragazze dell’Oratorio la sera del Giovedì Grasso. E’ interessante osservare come ogni famiglia conservasse una propria ricetta per fare i TURTEI, e le donne si facessero un punto di orgoglio nell’offrirne ai vicini. Passato carnevale e San Giuseppe le uova ricompariranno sulla tavola il giorno dell’Angelo con  SALATIN E CIAPP. Ciapp sono le uova indurite dentro un Baslott di Valeriana condita con olio e aceto fatto in casa.

medias

fonte immagine moulinex.it

A Gesu’ Bamben  – Auguri natalizi Jeraghesi                  

A Gesu’ Bamben                                  A Gesu’ Bambino

 

Stamm a senti’ Gesu’ Bamben          Senti Gesu’ Bambino

stamm a sculta’ un mumenten          ascoltami un momentino

dananzi a to Gabana                           davanti alla Tua Capanna

preghi pal me pa’ e la me mama        prego per papa’ e mamma

Tel set ca sum un fiuren piscinen       sai che sono un bambin

a sum un pu disubidient                      sono un po disubbidiente

a fo’i caprizi par nient                         faccio i capricci per niente

mi a vurarisi fai pù                               non vorrei farli piu`

perdonum Bamben Gesu`                  perdonami Bambin Gesu`

 

                                    Luciano Garavaglia

 

LA BUSECA DUL BARETA

fonte immagine: sfizioso.it

Tanti anni fa quando la trippa era venduta allo stato naturale, cioè scura quasi nera, bisognava spelarla tutta lavarla bene e farla cuocere alla sera per 2 ore affinché al mattino si potesse tagliare bene e cucinarla, poi quando era pronta a mezzogiorno veniva tanta gente a prenderla con la  calderina per portarla a casa. Oggi invece la Trippa si puo’ comperare gia’ bianca e pronta per essere cucinata dal macellaio.

Ingredienti x 4 persone :

1200 gr.di trippa

70gr.di lardo o di pancetta

1 cipolla grossa

aglio

50 gr.di burro

½ bicchiere di vino 

4 patate di cui due a cubetti e due intere

3 carote a dischi un bel gambo di sedano a pezzettini

½ scatola di fagioli (se secchi si mettono a mollo la sera prima) 

½ scatola di pelati

erba salvia

1 frasca di alloro

sale e pepe a piacere 

altri odori

formaggio grana grattugiato

Si prende la trippa e la si lava bene sotto acqua corrrente si taglia in strisce della dimensione di un dito. Si prende il lardo o la pancetta e si fa una bella pestata con      cipolla e aglio si mette in una pentola a bordo alto con il burro si fa rosolare. Si mette la trippa, che a parte e stata preparata in strisce e si rosola bene per un po’ e poi si mette vino buono. Si lascia evaporare il vino e poi si aggiungono le patate un po’ a cubetti e un po’ intere che poi verranno schiacciate, lo stesso si farà per carote e sedano, si aggiungono i fagioli (se secchi saranno stati messi a bagno la notte prima ), si aggiungono i pelati o i pomodori, la salvia, l’alloro una frasca, sale e pepe a piacere, altri odori.  Si rigira per un po’ poi si aggiunge brodo caldo fatto con dadi e si coperchia lasciando cuocere x 2 ore. Si serve in scodella con una manciata di formaggio sopra.

Buon Appetito

Ricordando la Signora Carla Cardani Magnoni che ha suggerito questa ricetta

Lavatoi pubblici e surrogati

Articolo tratto dal numero 4 del giornale “L’equinozio”- Ottobre 1994 a cura della Pro Loco di Jerago con Orago

L’articolo è stato redatto dal Rag. Antonio Delpini

IMG_8430

Prima della Seconda Guerra Mondiale. ovvero sessant’anni fa, le lavatrici non esistevano ancora, non erano ancora state inventate. E allora? Come facevamo a lavare la biancheria e fare il bucato?

La nostra gente, ed in particolare le nostre buone mamme che non mancavano certo di intelligenza spicciola, con la collaborazione dei mariti e della pubblica amministrazione di allora, da tempo memorabile avevano risolto egregiamente i problemi costruendo lavatoi pubblici e numerose fontanelle a portata di mano delle famiglie.

A Jerago esistevano tre lavatoi pubblici: uno vicino al S. Rocco “Ul Funtanun”, coperto e costituito da tre grandi vasche: una per lavare i panni molto sporchi, la seconda per il lavaggio normale e la terza per sciacquare (“risentà“) il bucato.

Alimentato dall’acquedotto comunale, era il più frequentato e funzionava anche da salotto dando modo alle donne di fare quattro chiacchiere in assoluta libertà. La loro presenza al lavatoio, particolarmente quando erano numerose, si percepiva anche da molto lontano e se ne sentivano di tutti i colori, comprese le discussioni che nascevano per accaparrarsi il posto migliore.

Un altro lavatoio era stato predisposto sulla strada che scende sulla Varesina (attuale via Dante), vicino al ponte della ferrovia. Ovviamente più piccolo e di due sole vasche, alimentato da acqua sorgiva in un primo tempo, e poi dall’acquedotto comunale. Doveva servire in particolare per gli abitanti della Caserma e dintorni. inutile dire che il cicaleccio, quando le presenze erano numerose, si poteva udire fino alla portineria dello stabilimento Rejna.

Infine avevamo, in via G. Bianchi, un terzo lavatoio: “Ul Rià”, che è resistito più degli altri. Anche questo disponeva di due vasche: una per lavare, un’altra per “risentà“. Alimentato prima dall’acqua che scendeva nei fossi, allora sempre puliti, dei prati situati a nord sulla via Indipendenza, poi dall’acquedotto, anzi: dalla conduttura principale dell’acquedotto che scendeva dal bacino sistemato sulla collina di “Runchit”. Pertanto al Rià l’acqua non mancava mai e, oltre ad essere sempre molto fresca, serviva anche egregiamente per dissetare i viandanti che capitavano da quelle parti.

IMG_8428

In un primo tempo il lavatoio era scoperto e non ci si poteva stare se pioveva, poi, attorno al 1949, è stato sistemato e dotato di copertura adeguata. Al Rià non hanno avuto molta fortuna i rubinetti: l’amministrazione comunale, nell’intento di evitare lo spreco dell’acqua ha provato ad applicare tutti i tipi di rubinetti esistenti in commercio senza successo. Dopo poco tempo si guastavano o venivano rotti, con grande dispersione di acqua. da ultimo si era provveduto a rinchiudere il rubinetto con uno sportello chiuso a chiave. ora il lavatoio non c’è più ed al suo posto è rimasta una “vedovella” con rubinetto automatico.

Le fotografie ivi riportate sono a titolo esemplificativo e si riferiscono ad un lavatoio pubblico sito in Armeno (NO)