Archivi categoria: Ricette locali

Presentazione a cura di Elio Bertozzi del libro “Le ricette della nonna” di Anselmo Carabelli con Enrico Riganti

scansione-3-1

Siamo nel periodo classico della dominazione viscontea. Ottone, da buon politico pensa a perpetuare nella sua famiglia il potere civile. Ottiene dal Consiglio Generale la nomina del pronipote Matteo Visconti, figlio di Teobaldo a cui Napo Torriani mozzò la testa sulla piazza di Gallarate, aveva un fratello chiamato Umberto e uno zio detto Pietro. Nella divisione dei beni paterni, fatta nel 1288, ai due fratelli toccarono le terre di Somma, Golasecca, Vergiate, Lonate Pozzolo e Ferno, e allo zio, con Besnate, Albizzate, Crenna, Rovate, Solaro, Brunello e Massino, anche Jerago.

Jerago, che Bonaventura Castiglioni, nella prima metà del Cinquecento, indicava con il termine Hieracium. Jerago anche vicus villaggio romano, che con il termine Algerago troviamo in una pergamena del 1178; detto Alierage nel Liber notitiae sulla fine del Duecento: scritto Mierago nel 1455 e, dal Cinquecento in poi, come sottolineava lo scomparso storico Monsignor Eugenio Cazzani, è presente nella documentazione ecclesiastica con la forma Alierage. Insieme con Jeragum permarrà sino alla fine dell’Ottocento, quando si cominciò ad usare,anche per atti ecclesiastici, la lingua italiana. L’etimologia suggerita, infine, da Dante Olivieri vuole Jerago, dialetto Jeragh, derivato da Alliaricus. Aggettivo dal nome personale Alliarius, da ritenersi un personaggio, distinto per censo e per virtù civico–militari, il quale lasciò il nome al locus da lui abitato.

Posto in una posizione preminente, sovrasta la vallata. In tempo si diceva che Jerago venisse derisa, di fronte da Oggiona che sembrava beffeggiarlo dal culmine del colle, detto Monte Oliveto. Da secoli, i due paesi, a guardarsi in eterna sfida, anche se nessuno,mai, si mosse ad affrontare l’altro. Jerago mostrava ai vicini le sue chiese: la vecchia, con il suo alto campanile e la nuova in stile romanico. Ma paladino ne era in particolare l’antico castello, cui ben si adattano questi versi di Olindo Guerrini nel suo Canzoniere:

 “ O passegger che per la via diserta

 affretti il passo

 leva la fronte tua verso quest’erta “.

Balconcini con eleganti ringhiere, terrazze, posterle, torrette, bertesche, spalti, barbacani, avancorpi, merli: tutto l’apparato di un vero castello feudale. Sopra passavano nubi bianchissime, che adornavano il cielo di una tenuità di spuma. Passano da secoli. Le avranno guardate la castellana, il signorotto, il paggio, l’armigero, la comare. Nubi che raccolsero pensieri e segreti, sogni delusioni e che, ancora oggi, con il loro attuale “carico”, scivolano dolcemente sugli immensi campi vellutati del cielo che sovrasta la vallata su cui campeggia Jerago.

La riscoperta della cultura locale, alla quale assistiamo ormai da vari anni, ha favorito la produzione, recente, di volumi dedicati alla storia di singole località o di specifici aspetti della vita dei tempi passati. Alcuni di tali libri si limitano ad una semplice rielaborazione di argomenti già presentati da altri, senza offrire al lettore sostanziali novità nei contenuti. Il volume di Anselmo Carabelli ed Enrico Riganti si discosta nettamente dalle pubblicazioni consimili sia per argomento che per originalità. E’ ambientato in un singolo paese: Jerago, ma coinvolge una cultura che riguarda tutto il Seprio; è dedicato ad un tema principale: la cucina tradizionale, ma ci informa su una molteplicità di usi, costumi, detti, proverbi, significati.

Frutto di una lunga ed appassionata ricerca  “sul campo“ offre al lettore un quadro del mondo contadino del buon tempo antico, con un pizzico di nostalgia, ma senza dimenticare che la vita continua ad evolversi ed a progredire.

La lettura è snella e piacevole per tutti: gli Jeraghesi ritroveranno l’anima del loro paese, oltre alle ricette di pietanze più volte gustate, altre parimenti appetitose, ma anche tanti ricordi e tante curiosità. I non Jeraghesi riscontreranno incredibili somiglianze con fatti ed usanze dei rispettivi paesi. I lettori di una certa età ricorderanno il sapore di un mondo che ancora esisteva durante i loro anni migliori, anche se già avviato al declino, i più giovani avranno il gusto di scoprire come vivevano i loro coetanei quando non c’erano le discoteche e la televisione. Mondo migliore o peggiore? Semplicemente un mondo diverso: l’aria era più pulita, ma mancavano tante comodità, non c’erano i soldi ma la vita era più genuina. Non beghe legali, fiscali o aziendali, però contrasti di paese, più semplici, ma non per questo spesso meno amari.

In tutta la trattazione domina, com’è giusto, il dialetto, senza tuttavia escludere dalla lettura chi non lo capisce o chi non lo parla più. Anzi proprio costoro potranno gustare alcune espressioni interessanti, che magari provengono direttamente dalla lingua latina o francese o tedesca.

A questo proposito mi pare che quanto scrisse Cesare Cantù oltre 150 anni fa, nella sua semplicità, sia tuttora il più valido orientamento per il lettore:

“il nostro parlarsi sopra estesissimo tratto, con modificazioni locali …. Dell’antica origine gallica fa esso fede nella pronunzia dell’ u dell’oeu  (feug se peu); degli an, on, en, nasali (pan, porton, ben) nello scempiare spesso le consonanti e mutare la z in s; oltre un grandissimo numero di voci, non adottate nella lingua italiana e viventi nella francese, ben distinte dalle poche lasciatevi dalla recente dominazione  e dalla moda. Chi ode il dialetto di Marsiglia, può scambiarlo pel milanese, mentre a fatica è intellegibile ai Francesi, e la somiglianza è tanto più notevole, in quanto che già si riscontra nelle poesie de’ i Trovadori, poeti provenzali del XII secolo, e non solo quanto a parole, ma anche a forme grammaticali.

Nel Varon Milanes, opera di un Capis ampliata da un Milani, si cercano radici greche a molti vocaboli lombardi, con quelle solite stiracchiature per le quali le etimologie son divenute un giochetto simile a quello delle sciarade: ma certamente alcuni ve n’ha di derivazione latina e di greca e non conservatasi nell’italiano: pochi n ha di tedesca, moltissimi invece di spagnola, senza contare la fratellanza delle due lingue. Il nostro dialetto nel plurale non discerne l’articolo maschile dal femminile ( i fioeu e i tosann); l’articolo indeterminato distingue dal numerale (un omm, damenn vun); i numerali due e tre forma diversamente pel femminile  (du sold, do lir; tri foeuj, tre pagin); alcuni plurali ha differentissimi dal singolare (om e omen, tosa e tosann, casa e ca , boeu e bo) usa un suono della s ignoto al toscano ( s’ciopp);…alla tedesca pospone la negazione al verbo (mi so no) esclude affatto quelle inversioni che fanno arditamente bello l’italiano“.

Come si nota quasi tutti i popoli europei hanno contribuito alla formazione della lingua dei nostri avi e quindi delle nostre radici. Forse la nostra preoccupazione riguardo la cosiddetta società multietnica del futuro è esagerata. Forse, soprattutto a patto che non si dimentichi il passato.

                                                  Elio Bertozzi

Pubblicità

Rustaia

fonte immagine: buonissimo.it

Piatto che si soleva imbandire prima del 1900 per il mezzogiorno di Natale in attesa delle 16 quando cominciava il cenone.

Ingredienti : 400 gr. di lombo di maiale, 200 gr. di salsiccia luganiga, 1 kg. di cipolle, una noce di burro, un cucchiaio di olio d’oliva (in antico il battuto di lardo), un cucchiaio di farina, un dito di aceto, sale q.b.,  pepe.

Mettere un una padella bassa l’olio, il burro e le cipolle tagliate a fettine. Si fanno cuocere a fuoco lento senza rosolarle, aggiungendo acqua . Dopo circa ½ ora si sala, si mette pepe, si aggiunge la farina stemperata in un dito di aceto, si aggiunge la carne tagliata a piccoli pezzi e la salsiccia pure in piccoli pezzi con la sua pelle. Si coperchia e si fa cuocere ancora per 1 ora. Il piatto sarà pronto. Si serve in piatti caldi con fette di pane giallo o pane misto. A Natale il pane sia bianco.

Pulastar – capuni e puluni a rost

fonte immagine: buonissimo.it

Disponendo di un pollo di circa 1 kg, già pulito, si procede come per la ricetta dell’arrosto, il tempo di cottura, dovrà esser controllato, perché è funzione del tipo di allevamento. Comunque è bene accertarsi che le carni dopo la cottura siano sempre bianche, infatti  servire un arrosto di pollame le cui le carni siano ancora rosse non è bello. Si cerchi anche di ottenere che la pelle risulti bruciacchiata e croccante. Per questo motivo a Natale, quando si cuocevano, capponi, oche e tacchini, che sono di notevoli dimensioni, li si portava dal fornaio, perché solo nel forno del pane potevano cuocere molto bene e in profondità. Nel caso del tacchino o del cappone il tempo di cottura può arrivare anche a due ore, due ore e mezza.

La ricetta completa è disponibile sul mio libro

https://www.macchionepietroeditore.it/scheda_Varese-Cucina-Sane-Gustose-Genuine-le-tradizioni-del-Varesotto-di-Anselmo-Carabelli_5-44-51-0-0-0-1-1-10-1-452.html

Ris e latt- Riso e latte

WhatsApp Image 2022-11-12 at 19.36.10

Premessa

E’ questa una ricetta assai diffusa, si è persa l’usanza dei nostri vecchi di addolcirlo con zucchero, a differenza della bassa padana dove lo si insaporiva col formaggio grana. Il motivo apparentemente banale denuncia l’influenza di abitudini nord alpine e come direbbero in Canton Ticino d’oltre Gottardo. Tale usanza è propria dei cantoni tedeschi, quasi a ricordarci che le nostre zone sono sempre state in rapporti commerciali con l’antica Raetia, tramite il Mons Adula – San Gottardo (Strabone opera citata)

Ingredienti: 0,750 lt. di latte, 0.750 lt. di acqua, una noce di burro, 180 gr di riso, sale.

Portare il latte leggermente salato ad ebollizione con pari quantità di acqua, versare il riso, abbassare la fiamma curando che il latte non tracimi per ebollizione. Cuocere per Il tempo necessario per portare a cottura il riso, assicurandosi che il tutto si addensi, per effetto dell’amido rilasciato dal riso, senza diventare un risotto. Se così succedesse, aggiungere acqua molto calda, che si terrà pronta in un pentolino. A cottura ultimata aggiungere una noce di burro e servire.

Come detto la tradizione voleva che il commensale jeraghese aggiungesse zucchero, vi è chi oggi lo preferisce sfarinato di parmigiano, io sono per la tradizione

Brano tratto da “Le ricette della nonna – Cucina, usi, espressioni, attività, feste religiose –  Nella vita di un borgo dell’alto milanese tra il 1800 e il 1940″

Pulenta giälda cuma la sa fa da neunc – polenta di farina di mais come la si fa da noi

immagine puramente indicativa – fonte immagine: cucchiaio.it

Sono necessari:

  • Parieu da ram paiolo di rame con manico, assicurarsi che esso sia ben pulito all’interno, che il rame risplenda.
  • Canéla da legnbastone di legno di noce della lunghezza di circa 90 cm. ricurvo ad una estremità
  • Camin cunt a cadéna o stùa ecunòmica a légna cui cérc– Camino con catena centrale pendente e moschettone per agganciare il paiolo di rame o stufa economica a legna coi cerchi da rimuovere, per inserirvi il paiolo di rame
  • As da legn rutond pa a pulénta cunt sura un mantin – tagliere per la polenta sul quale è stato posto un tovagliolo bianco

Ingredienti: 1 kg di farina di granoturco tipo bergamasca, 2 lt. di acqua, sale q.b.

Preparazione:

Si porta ad ebollizione l’acqua salata nel paiolo di rame e si versa a pioggia la farina mentre si mescola col bastone, si fa cuocere a fuoco vivo per circa 1 ora rigirando continuamente in modo che la parte ricurva del bastone rimuova continuamente tutta la polenta evitandone il prolungato contatto colle pareti – par mia fala gremà –per non farla bruciare. La polenta deve essere ben soda ed è pronta solo quando si stacca dalle pareti. Si solleva il paiolo impugnandone il manico  con l’aiuto di un giornale piegato che faccia da isolante. Aiutandosi con l’altra mano, debitamente protetta da un guanto o da un giornale e avendo cura di non scottarsi, si rovesci il paiolo con un bel colpo del bordo sul tagliere  ove in precedenza sia stato posto un tovagliolo bianco. Nel paiolo rimarrà una piccola crosta, ottima da mangiarsi a parte. La polenta fumante sul tagliere verrà così portata in tavola avvolta nei lembi del tovagliolo.

Minestrina da la sciura Giülia – Minestrina della signora Giulia

In omaggio alla mia nonna Sig.ra Giulia Bollini, che cucinava con cura anche i piatti più semplici perché era convinta che la buona cucina, frutto di tanta pazienza e del suo amore di cuoca, aiutasse a rendere più serena la vita.

Ingredienti: 1,5 lt. di acqua, una patata fatta a pezzettini, 160 gr. di riso, un pomodoro medio spezzettato col coltello sull’asse, prezzemolo tritato una manciata, un dado di manzo per brodo, noce di burro.

Portare ad ebollizione l’acqua, aggiungere dado, patata, burro, pomodoro, far cuocere a fuoco lento per 30 minuti, mettere il riso e il prezzemolo e far cuocere per altri 15 minuti. Servire ben caldo con una bella sfarinata di parmigiano.

I mundeghini – Polpette di avanzi di carne

I mundeghini– Polpette di avanzi di carne

Premessa :

sempre seguendo il filone della nostra cucina povera troviamo questo squisito piatto, che normalmente era servito nei giorni successivi alle feste, quando avanzavano pezzi di carne bollita o arrostita, manzo o pollo. Tutte le cucine presentano piatti similari, anzi si dice che un bravo cuoco sia quello che sappia trovare almeno cinque nomi diversi per le polpette. Il nome che i vecchi davano loro ci porta ad antiche origini .

Mondeghini proviene dal latino “mondidus” che equivale al nostro disossato, l’azione di quando si ripulisce l’osso dalla polpa o più correttamente dagli avanzi della polpa. A Busto Arsizio, il cui dialetto affonda le radici addirittura nel substrato ligure, la carne di basso pregio o gli avanzi si chiamano “ remundüa ”. Nella ricetta entra anche la lüganiga, che è un altro tipico ingrediente che i latini chiamavano lucanica.

 

Ingredienti: tutti gli avanzi di carne  cucinata in precedenza (dal : bollito o dall’arrosto di manzo o pollo), 2 hg. di salsiccia ( che sia la lüganiga – cioè quella bella rosa e soffice, da ripieni), prezzemolo, farina bianca, burro per friggere, un uovo, parmigiano grattugiato.

 

Tritare con tritacarne gli avanzi, metterli in una insalatiera di vetro, unire l’uovo intero, il parmigiano, la salsiccia spellata, il prezzemolo trito, salare q.b, se piace noce moscata e pepe. Lavorare con l’ausilio di un cucchiaio di legno, l’impasto deve risultare morbido e consistente sì da rimanere compatto se plasmato con le mani. Se troppo asciutto aggiungere poca acqua, se troppo morbido pangrattato. Si confezionino delle palline compattandole col palmo delle mani. Le si schiaccino leggermente su due poli e le si passino nella farina bianca posta in un piatto fondo.

A parte, in una padella bassa e larga, si faccia soffriggere il burro a fuoco moderato, si abbia attenzione a non surriscaldarlo, quando comincerà a fare schiuma e a prendere un bel colore bruno vi si mettano i mondeghini, girandoli sull’altro lato non appena cominceranno a diventare coloriti e croccanti. Quando avranno preso colore anche dall’altra parte si possono servire. Una insalata a foglia larga per contorno sarebbe il massimo, meglio ancora se fresca dell’orto.

 

Per altre ricette consultate il mio libro edito da Macchione editore:

Varese Cucina. Sane, Gustose, Genuine, le tradizioni del Varesotto di Anselmo Carabelli (978-88-6570-434-9)

1603_big

 

LE PIANTE DA FRUTTA E I FRUTTI

La frutta compariva sulla nostra tavola quando c’era, cioè quando maturava, ma senza particolare interesse, quasi per caso, perché la funzione principale delle piante da frutto era quella di intercalarsi ai pali di castano per reggere la vite. Fatta eccezione per l’innesto, non vi era alcuna particolare tecnica colturale per quegli alberi, li si potava giusto il necessario per non lasciarli crescere troppo. E poi agli anziani non gradiva che fossero sfrondati in eccesso raccomandando moderazione agli improvvisati potatori : quel ram lì lasél a stà, quel lì tajél nò parchè al gà i fiur, ma racumàndi e così di seguito, tanto che il povero operatore doveva rassegnarsi a una misera ed insufficiente spuntatina. Preoccupati com‘erano di garantirsi tanta produzione non si accorgevano che, così facendo, favorivano la crescita di numerosi frutti, ma tutti piccoli . Pumèi, persaghit, mugnäg, perit e scirés, non ricevevano alcun trattamento chimico ed era normale che fossero abitati dai cagnot vermi, in particolare le ciliege, delle quali ridendo ci si chiedeva se di venerdì non rompessero il precetto del magro. Queste quando maturavano verso i primi di maggio, rappresentavano per noi bambini una irresistibile attrattiva. In frotte di discolacci, si andavano a cogliere sugli alberi avendo cura di scegliere quelli che il tempo e l’esperienza ci avevano insegnato offrissero le migliori qualità. Sorretti dai più grandi, che facevano da scala, si saliva su tronchi dalle fronde maestose, abboffandoci di gustosissimi frutti e strappandone a rami interi per chi fosse rimasto a terra. Si badava anche di conservare quelle con doppio peduncolo unito, da offrire alle bambine che avrebbero gradito posandole a cavaliere delle orecchie. Quante volte le ciliegie erano troppo acerbe e quanti mal di pancia ci avrebbero regalato. Sull’albero si rimaneva comunque sempre in campana con l’orecchio teso ad anticipare l’arrivo del contadino, che non doveva sorprenderci. Eravamo profondamente convinti che, se anche ciò fosse accaduto, mai avrebbe attuate le sue tremende minacce, era stato ragazzo anche lui e ci avrebbe sicuramente perdonati. Lo temevamo come si temono quei vecchi cani da guardia che abbaiano più per onor di firma che per convinzione, ma se lo avesse detto al papà, questo sì ci avrebbe fatti tremare!. Mi sono accorto dei tempi cambiati, quando ho notato le ciliegie marcire sui rami, così come tanta altra frutta. Ma più ancora quando ho visto ragazzi, che per dispetto hanno divelto una intera pianta di pesche lanciandone i frutti come fossero palle da tennis. Ben lontani i tempi di quando tutta la frutta veniva raccolta e accorgendosi di qualche frutto rimasto, le nonne ripetevano, riecheggiando insegnamenti evangelici, che non ci affannassimo, perché anche gli uccelli dovevano pur vivere. Mi interessa la storia dell’albero dei caki, introdotto all’inizio del secolo a motivo della  conservabilità invernale dei suoi frutti. Molto presto furono disprezzati per la falsa nomea di essere cancerogeni e forse, ancor più, per il fastidio dello strano sapore che rimaneva  in bocca quando li si  addentava non maturi, ean rap come si diceva in dialetto, legavano il palato.

WhatsApp Image 2022-10-29 at 11.19.12

WhatsApp Image 2022-10-29 at 11.19.28

Quell’albero, quando non sia stato abbattuto, rimane ancora nei nostri giardini una sicura risorsa invernale di sperduti uccellini, i quali ad albero completamente nudo di foglie, ne svuotano i frutti lasciandone gli involucri come palle di vivo arancione, appese ad un inusuale albero di Natale. E come non ricordare, le nespole che si mettevano a maturare in cascina in dul cas dul fen nel mucchio del fieno, o i zinzurlit  azeruoli piccoli frutti rossi ricchi di semi, ul curnà il corniolo con frutti simili ad olive, i nus le noci cui l’adagio associava che: partagà i nus, fa via la nèv, mazà la gent, l’è tüt laurà fài par nagòtbattere il noce per far cadere i frutti, ammazzare la gente, spalar la neve, è lavoro inutile, dal momento che già la natura vi provvede se si ha la pazienza di attendere. Ma l’albero di noce ritenuto malefico non godeva buona fama presso i vecchi, che raccomandavano di non lasciarlo crescere nell’orto perché avrebbe fatto morire tutte le verdure. Esso si riabilitava nel dire che pan e nus l’è un mangià da spus mentre si sostiene che : nus e pan l’é un mangià da can. L’adagio potrebbe fare intuire un antico pane matrimoniale lievitato e cotto con noci sminuzzate nella pasta e a gherigli interi anche sulla superficie, una brusella matrimoniale insomma. Mangiare invece noci con pane, nel tentativo di rifare un banchetto di nozze sarebbe proprio disdicevole, quasi un mangiar per cani. Ottimi ed apprezzati i fig, quelli piccoli nostrani le cui piante, con l’ausilio della golosità di qualche passero, nascono da sole negli anfratti alla base dei muri e si sviluppano in zone assolate, protette dalle prime brezze settembrine. Ricordo mia nonna Ida Tomasini, di Orago che lamentava come il vento gelido della valle dell’Arno, impedisse ai fichi di maturare, così le mie prime uscite in bici furono verso la sua casa per portarle cestini di fichi appena raccolti e lei mi mostrava in che modo i nostri vecchi li seccassero al sole per conservarli. La fretta e l’impegno nelle attività industriali, associati alla scarsa qualità dei nostri frutti ed ad una maggiore disponibilità di soldi, offrirono l’opportunità agli ortolani di aprire le loro prime botteghe. Tra questi il Sig. Alessandro Bogni Bogn, che rimasto invalido si industriò a coltivare verdura e piante da frutta in un terreno nei pressi dei Ronchetti. Raccoglieva gli ortaggi e la frutta che sistemava sul suo carrettino da spingere a mano dal Rià fin verso la piazza. Più tardi con l’avanzare dell’età mise al carro un asnin, un grazioso asinello di piccola taglia e si spinse fino a Solbiate, ma erano tanto apprezzate le sue verdure che già prima di arrivare alla piazza erano tutte vendute. Nessuno avrebbe però mai prestato fede alla vanteria che il suo terreno fosse cosi fertile, che una sola pianta di Cornetti, dall’orto dei Ronchetti, abbarbicandosi ai filari delle vicine viti del castello riuscisse a svilupparsi fin quasi a Besnate. Rivedo in particolare il Sig. Gaetano Alberio Ruel da Rovello Porro suo luogo di origine. Egli oltre a tenere negozio in via Cavour, dove serviva la sorella Annetta, per tutti noi zia Nèta, con l’ausilio di un indimenticabile motocarro stracarico di cassette di frutta, di mele di sacchi di patate con la indispensabile stadera per pesare, raggiungeva un vasto numero di affezionate clienti ad Orago, a Solbiate, ad Oggiona. A me in particolare colpiva quel suo mezzo da lavoro a tre ruote, dai colori bianco e azzurri, che grazie alla amicizia col figlio Massimo potevo ammirare fermo in quella che una volta fu la stalla del cavallo. Ci si sedeva con Massimo in sella ed aggrappati al grande manubrio ci si buttava, ora su un fianco, ora sull’altro per simulare curve da gran premio . Modulavamo il rombo del motore con la bocca e ingaggiavamo con la fantasia irripetibili tenzoni motociclistiche. Ma quando quel motofurgone si muoveva, alla guida del Signor Gaetano era di una potenza meccanica unica, equipaggiato com’era dal monocilindrico Guzzi. Esso, quando potenziava la versione da strada, si diceva sviluppasse ogni culp cinc metar cinque metri per ogni colpo di pistone, ma in versione da lavoro, come quella, trasformava il veicolo in un autentico mulo di ferro che niente avrebbe fermato tanto meno le nostre brevi ma toste salite. Anzi il diffondersi in valle del suo possente e inconfondibile rombo teso all’immane meccanica fatica dell’affrontarle, avrebbe sicuramente richiamate per tempo le numerose clienti. Altro ortolano, fu il Sig. Santino Cassani Santin, che aveva negozio di fronte alla chiesa di San Giorgio sull’angolo con via Mazzini, abilissimo nell’attrarre le clienti che uscivano da Messa Prima con la accattivante mostra di golose ceste di primizie. Amante di buona musica egli fu per lunghi anni il coordinatore ufficiale degli impegni della nostra banda, il glorioso Corpo Musicale S. Cecilia dalle 135 primavere . Sapendo di questo amore per il canto e della bonaria rivalità col Sig. Alberio, da ragazzi avevamo inventato sul refrain di  c ’est si bon, una nota canzone allora in voga,  questo ritornello oh c’est si bon– cunt cent franc tri limonul Santin ta na da dü- e ul Ruel vun da pù(oh c’est si bon- con cento lire tre limoni- Il Santin te ne dà due- e il Ruel uno di più). Oppure, quando si voleva far arrabbiare il Sig. Alberio “ Ul Ruel ta na da dü e ul Santin vun da pù.

Brano tratto da LE RICETTE DELLA NONNA Cucina, usi, espressioni, attività, feste religiose. Nella vita di un borgo dell’alto milanese tra il 1800 e il 1940 di Anselmo Carabelli con Enzo Riganti

Presentazione al pubblico del libro di Anselmo Carabelli con Enrico Riganti “Le ricette della Nonna”

Riso alla jeraghese – piatto unico

Se si vuole fare un piatto unico con il riso proponiamo la preparazione proposta da mia mamma Carla indicata in “Jerago – Rassegna di vita cittadina” – settembre 1967.

Ingredienti per 5 persone:

  • Per la carne: fesa di vitello gr.500, burro gr 50, ½ bicchiere di marsala secco.
  • per il riso :gr.500 di riso , burro gr 50, cipolla.

Per la carne: si prepara la carne come per la ricetta della Cärna Picò

Cärna picò al marsala – fettine di carne battute col marsala.

Per il riso: cuocere 500gr.di riso in acqua salata per 16 minuti, scolaro e farlo rosolare nel burro già dorato dove sia stata soffritto un poco di cipolla.

1062883480

Suddividere il riso così ottenuto in 5 piatti. In ciascuno piatto praticare un incavo nel quale mettere le fettine di carne col relativo intingolo. Servire ben caldo.

Buon appetito!

Castégn di firunatt 

fonte immagine: proverbimilanesi.blogspot.com

Premessa

I firunat erano gli ambulanti che, di paese in paese, rivendevano collane di castagne infilate su spaghi, ottime e dal costo proibitivo. Ancora oggi il prezzo di quelle ghirlande in mostra sulle bancarelle delle fiere dei Morti fa rabbrividire. Perciò in passato non si comperavano, ma si tentava la sorte pescando i numeri della tombola, da un sacchetto che il firunat portava sempre con sé. Frequentava i luoghi pubblici e andava là, dove era certo di trovare tanti bambini golosi o i loro nonni. Nelle domeniche autunnali mi capitò di vederlo all’Auditorium. Con 50 lire, che rappresentavano la mancia della domenica, si acquisiva il diritto di estrarre tre numeri dai 90 del suo sacchetto . Se la loro somma avesse superato 90 si perdeva se inferiore si vinceva la fila. E così, complice la fortuna qualche volta ci si prendeva la soddisfazione di assaggiarle rimanendone conquistati dalla bontà, ma era raro. Quel furbacchione i numeri bassi chissà dove li nascondeva!.

Qualcuno però tentò anche di produrre in casa quelle leccornie, con un sistema che permetteva anche di conservare le castagne per lungo tempo.

Ingredienti: castagne di bosco nella quantità disponibile, si scelgono solo le più belle.

Si cuociono al dente in poca acqua salata dove siano state messe alcune foglie di alloro. Si fanno raffreddare dopo averle scolate e  si asciugano in forno. Con l’uso di un ago da tappezziere, si infilano su uno spago sottile a modo di corona e si appendono un locale asciutto ed aerato.