Archivi tag: modi di dire

Alcuni proverbi inediti

Quand che l’om al va sota tèra la dona la végn bèla

[ alla morte del marito la moglie rifiorisce]

Un om sénza na dona l’e’ na ruina

na dona senza un omm l’e’ na regina

[ l’uomo senza donna e’ sbandato ,

la donna senza  marito una regina]

A teu mie’ sa pò pù turnà indré

[quando ci si sposa non si puo’ tornare sulle proprie decisioni]

Un om al sa cugnos in dul parla’

i campan in dul sunà

[un uomo lo conosci dalle parole

le campane le riconosci dal suono]

Se un omm l’é cot par na dona

ul pés a l’é cusinò cuma sa dév

[quando un uomo stravede per una ragazza

vuol dire che è pronto per il matrimonio]

Quel ca sa suména sa rageui

[si raccoglie secondo la semina]

Padàlin pìcul poca papa ghe’

[ piccola padella poca pappa]

La pàia tacò al feug la brüsa

[ la paglia vicino al fuoco brucia]

Spusa bagnò spusa furtünò

[se piove il giorno delle nozze tanta fortuna in più]

Chi ca laùra al gà na mica

Chi ca laùra nò al ga na dò 

[chi lavora ha un pane, chi non lavora ne ha du]

Pùtost che roba vanza, crépa‚ panza

[meglio una indigestione che avanzar pietanza]

L’ha séräsù ul stabièl, quand ghe scapò ul purscèl

[chiudere la stalla quando gli animali sono fuggiti]

Trà via ul sù pa a lüna

[non approfittare dei momenti giusti per lavorare]

Andà in stàla süi bal da pàia a scultà i panzànig

[in stalla seduti sul fieno a sentire le storie dei nonni]

Ciapà su ul barnàsc e purtà via a scéndra

[prendere il badiletto e portare la cenere sull’orto]

Chi tégn mia da cöeuunt da giuin, da vecc a slonga a man

[Chi non risparmia da giovane. da vecchio chiede la carità]

Quand ul sù al sa völta indre’, bèla giurnò ul dì adré

[rosso di sera bel tempo si spera]

Pan e nus mangià da spus, nus e pan mangià da can

[si fa un panino di salame, non un salamino con una fetta di pane

dentro]

Quand i nàsan in tüc bèi,

quand sa spùsan in tüc sciuri,

quand i meuran in tüc bon

[quando nascono sono tutti belli.

quando si sposano sono tutti ricchi,

quando muoiono sono tutti buoni.]

Te set nasù in dul térén dul cànuf

[spende troppo perché nato in una casa ricca ,terreno grasso

come quello dove si semina la canapa]

Tüc i ca’ in fai da sas, ugnüna la gà ul sò frecàs

[tutte le case hanno i loro problemi]

Cürà i gügiò par lasà andà i camisèi

[risparmiare piccoli pezzi di filo e non accorgersi che ti stanno

portando via gomitoli]

Rüd e dané in mai asé

[letame e soldi non sono mai abbastanza]

L’é fat me l’acua

[si dice cosi’ di persona insulsa]

Fragüj- Briciole (parte seconda)

(testi e ricerche di A. Carabelli)

L’è méj un bél andà che centu andemm: l’invito è ad essere decisi meglio muoversi piuttosto che continuare a ripetere che è ora di muoversi e rimanere poi fermi. La persona oggetto di tale  sollecito è il classico cagadübi dubbioso al punto da mostrare in volto una inequivocabile ed evidente espressione di sofferenza.

L’è un stamegna: si  dice così dell’avaro che si priva pure del necessario pur di risparmiare. Così il suo  volto si incartapecorisce e la sua pelle si fa secca e magra appunto come la stamegna; dal nome antico della tela cerata che in epoca medioevale sostituiva il vetro nella chiusura delle finestrelle delle chiese. Ma allo stamegna capitavano anche eccessi per i quali veniva debitamente punito, come quello da metig i ugiä’ verdi a l’asnin par fag mangià a paja, imporre occhiali verdi all’asino per fargli mangiare paglia e non fieno, ma il povero asinello sarebbe morto e il nostro avaro, punito, avrebbe perso l’asino.

L’è nasù in dul teren dul canufnato e cresciuto nel terreno dove si coltiva la canapa; un terreno molto ben ingrassato che permetteva la coltivazione della canapa usata come fibra tessile. In modo traslato perciò chi non badava a spese e si trattava troppo bene meritava tale attribuzione. Sicuramente il suo agire era l’opposto  di quello dell’avaro o stamegna.

L’uomo che si dava delle arie poteva essere definito un bauscia, ma tutto sommato buono anche se millantatore. Ben diverso dal Bauscion che è uno che si da troppa importanza, la met giò dura – la mette giù dura. Bauscin è invece il bavaglino.

In un modo di gente modesta, poteva capitare pure che qualcuno avesse fortuna in modo sfacciato. Pertanto costui  veniva additato come chi mettendo a covare dodici uova avrebbe sicuramente ottenuto 13 pulcini- d’una pitä’ da dudas oeuf al ga u tredas purasit.

L’è  un can sausç , viene indirizzato ad una persona che non si accontenta di una spiegazione qualsiasi, ma vuole vederci chiaro. Va  fino in fondo, un autentico cane segugio.

Furtunä’ me i can in gésa, si dice di un poveraccio  cui tocca la sorte  del  cane che inavvertitamente entrasse in chiesa, cioè pedate per scacciarlo.

Sciur – Signore identifica una persona cui si porta rispetto;  sciur curad- signor Parroco, sciur dutur- medico condotto, sciur sindig sindaco. Usato da solo l’è un sciur vuol dire persona ricca e rispettata; se si pronuncia allungando e trascinando  la u  sciuur vuol dire che tale persona è disprezzata. Il bustocco per tale soggetto usa il più significativo   sciuazzu.

Te set un fa faç-in dialetto veneto seto un faso tuto . Veniva così definito, dalle mamme, un ragazzo attivo capace di cimentarsi con maestria  in ogni lavoro richiesto dalla necessità di casa. E’ interessante rilevare come quel faç sia di diretta derivazione latina dai famosi imperativi irregolari dic, duc, fac e fer ( infiniti  dicere, ducere, facere, ferre).

Sempre in tema di sintassi, trovo interessante osservare come uno degli ostacoli alla corretta espressione italiana, per chi come noi parlava dialetto, fosse il corretto uso dei congiuntivi. In effetti chi, trovandosi a tradurre mentalmente dal dialetto una frase carica di congiuntivi, si fosse limitato ad una pedissequa traduzione avrebbe ottenuto un ottimo risultato. La  paura di sbagliare e di fare una figuraccia nei confronti del maestro  quasi sempre tradiva il malcapitato. Quanti errori blu e quante figuracce si sarebbero evitate; vogliamo una prova ?

Il congiuntivo cai vegnanvengano pure– veniva  timidamente tradotto  con un  venghino pure .

Nota è quella frase di un imbonitore da fiera che sollecitava il pubblico a pagare il biglietto per visitare il suo zoo ambulante al grido di :  venghino- venghino siori,   più gente entra più bestie si vedono “. Dallo sgrammaticato invito si poteva  altresì presumere che l’imbonitore, malignamente, annoverasse gli spettatori  tra le bestie .

Fa  tenerezza quel venghi pure che inequivocabilmente rivelava la fatica di parlare italiano con le persone ritenute più importanti. Infatti se avesse tradotto senza affanno quel  cal vegna che gli passava per la testa,  avrebbe potuto semplicemente  dire: venga.

Interessante analizzare la costruzione  della nostra frase dialettale.

Se consideriamo la risposta negativa alla domanda – Lo sai ?- essa  è al so nonon lo so –. Si noti che in italiano la negazione non sta  prima del verbo sapere  non so, così come nel latino ne scio – non so. Nella lingua tedesca invece la negazione sta dopo il verbo.  In tedesco ad una domanda  interrogativa si risponde negativamente con ich weiss nicht io so no (simile al  dialetto al so no) . Quindi la negazione nicht viene dopo il verbo wissensapere, così come avviene nel nostro dialetto. Tale modo di  costruzione della frase  potrebbe rilevare l’influenza della dominazione austriaca nella prima metà del 1800.

Sempre con riferimento al tedesco, si usa dire Sninzà un salam iniziare una filzetta di salame tagliandola a fette, da cui per trasposizione ora si dice: ho snizò vent euro e trovi pu nanca un ghell– ho appena cambiato un biglietto da venti euro e trovo in tasca manco un centesimo.

Sninzà  è in assonanza col tedesco Schneiden-tagliare

Ghell è il Geld tedesco, equivalente di moneta in spiccioli.

ALCUNI MODI DI DIRE

 

chi gà ul co’ la dùpera            chi ha testa la usi

 

l’e’ tème sciscià na zòcura    cosa sensa alcun gusto come

                                                   succhiare un pezzo di legno

 

bagna gio’ ca te fét tèra        si dice a chi si loda troppo

                                                  bagna giu’ perché fai polvere

 

quand che la mèrda la monta    si dice di chi indegnamente

a scàgn o che la spüza o che       occupa un posto senza averne

la fa dàgn                                      le qualita’ e se ne vanta.

                                                       (lett. quando la merda sale

                                                      in cattedra, o puzza o fa danni)

 

cure’ cure’ gént che la me       Fa riferimento all’uso 

dona la và in niént                   antico delle donne di vestire            

                                                     mutandoni, sottogonne, guardinfanti

                                                    e quando si svestivano non 

                                                   rimaneva quasi più niente

 

quèla végia la                        quella vecchina

la vuréva mai muri’            non voleva mai morire

parche’ nà séntiva              perche’ ogni giorno 

vüna nueva tücc i di’           ne sentiva una nuova

 

Sona l’Ave Maria, chi ghé        al suono dell’Ave Maria

in cà d’ältar l’è ura da             chi e’ ospite torni alla

andà via                                     propria casa

 

Sant Antoni da la barba         Santo Antonio dalla barba bianca 

Bianca fam trua’ quel            fammi ritrovare quello

ca ma manca                           che ho smarrito

 

Sant Antoni pien da virtu’      Santo Antonio pieno di virtu’ 

famm trua’ quel ch’ò perdu’     fammi trovare quello che ho perso

                                                       (giaculatoria che si usa recitare

                                                      quando si smarriscono le 

                                                      chiavi o gli occhiali o 

                                                     piccole cose dell’uso quotidiano

 

mazà la gént, fa via la név     ammazzare le persone, spalare

partagà i nus, l’é tütt               la neve, cogliere le noci a colpi

laurà fài par nagot                  di bastone, e’ tutto lavoro inutile

 

un nigutin d’or                  un niente, ma d’oro

 

al temp dul Carlo Cudiga         ci si riferisce agli anni

                                                     passati ai tempi del famoso

                                                     Carlo Cotenna

 

a mangià al  mangiota           quanto a mangiare mangia

al be’ al beota                          quanto al bere,beve

l’é a laura’                                ma e’ per lavorare

cal barbota                              che si rifiuta

 

a var puse’ na bona làpa        vale piu’ uno che sa parlare

che una bona sàpa                  di uno che sa lavorare

 

la catìva lavadéra la treuva      la cattiva lavandaia non

mai la bona préa                         trova mai l’asse giusto per lavare

 

lapis mucc fa sbégasc                matita senza punta fa svolazzi

 

quand al pieu gutàn i técc       quando piove i tetti sgocciolano